il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Danni da emergenza neve in Ciociaria, urgono misure (e fondi) per ripartire: se non ora, quando?

Danni da emergenza neve in Ciociaria, urgono misure (e fondi) per ripartire: se non ora, quando?

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FROSINONE - La stima dei danni causati dall'eccezionale nevicata del mese scorso è ingente. Solo per la nostra provincia sono stati denunciati danni a strade, case, impianti agricoli, capannoni industriali e strutture varie per molti milioni di euro.
Subito dopo l'emergenza provocata dalla nevicata, le istituzioni e i politici si sono affrettati a far sapere a cittadini e imprenditori che si sarebbero attivati per lo stanziamento di fondi ad hoc, magari attingendo ai fondi destinati alle emergenze ambientali dall’Unione Europea. A tutt’oggi, però, alle promesse non sono seguiti i fatti.

Le associazioni di categoria, coordinate dalla Camera di Commercio hanno invitato le imprese del territorio a denunciare i danni subiti attraverso la compilazione di una scheda. L'iniziativa, come sottolineato dalle organizzazioni stesse, aveva il solo scopo di quantificare e denunciare. Le misure concrete spettavano alla politica: e qui arriva la nota dolente.
Gli Enti sovracomunali come Regione e Provincia, i soli che si potevano far carico di rappresentare al Governo e all'Ue i gravi danni subiti dal nostro territorio, dopo un'iniziale attivismo al momento dei fatti sembrano cadute in letargo. Ad un mese esatto dal maltempo sembra quasi che se ne siano scordati. La Regione ha diramato, circa 15 giorni fa, un comunicato, una sorta di lista delle buone intenzioni che riproponeva, lustrate a nuovo, misure già in vigore. Un esempio per tutti: la Cassa Integrazione in Deroga per le attività appartenenti a qualsiasi categoria. Una misura già in vigore dall'anno scorso alla quale, vista la forte crisi economica, le imprese del territorio avrebbero potuto attingere anche per il 2012.
In questi giorni alcuni Comuni del frusinate cominciano ad avvertire la sgradevole sensazione di essere stati lasciati soli non solo nel momento dell'emergenza ma anche in quello della ricostruzione. Sensazione non del tutto infondata. Forse Amministrazioni Comunali e cittadini farebbe bene, seguendo l'esempio di alcuni Comuni a sud di Roma, ad organizzare una class-action. La neve, grazie alle temperature primaverili di questi giorni e alle piogge, si è squagliata ma i danni che ha causato sono adesso sotto gli occhi di tutti.
Provincia e Regione non possono far finta di non vedere, il tempo delle promesse è finito, servono i fatti.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Marzo 2012 10:44

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito