il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Economia ::> Videocon, Trina convoca i sindacati e apre a Ansaldo T&D

Videocon, Trina convoca i sindacati e apre a Ansaldo T&D

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANAGNI - Qualcosa si muove nella vertenza Videocon, lo stabilimento anagnino da anni in “riconversione” e oggi in bilico tra il fallimento e il cambio di proprietà. A pesare non solo la necessità di una prospettiva produttiva credibile e sostenibile (pressoché tutti i progetti di riconversione prevedono progetti legati alle energie alternative), ma anche e soprattutto la definizione della situazione debitoria pregressa, che deve essere definita prima dell’eventuale ingresso della nuova proprietà attraverso la procedura del concordato preventivo. La proposta avanzata dagli indiani della famiglia Dooth è stata un pagamento del 5% di quanto dovuto, insoddisfacente per i creditori, in primo luogo Banca Intesa, esposta per circa 35 milioni di euro, e che il commissario Antonio Caiafa considera irricevibile. La trattativa su questo punto dovrà conoscere una accelerazione, perché i tempi per giungere ad un accordo si fanno sempre più stretti.
Qualche notizia positiva però emerge: nelle ultime settimane è stato ufficializzato l’interessamento, oltre alla società arabo-canadese SSIM, anche di Ansaldo T&D, società del gruppo Toshiba attiva nel settore delle Energie rinnovabili principalmente nella realizzazione di "chiavi in mano" di parchi fotovoltaici e nella progettazione di “grid” intelligenti per la distribuzione dell’energia.
Ansaldo T&D ha ufficializzato la volontà di visitare lo stabilimento per verificare se esistano le condizioni per rilevarlo. Anche di questo è intezionato a discutere l’assessore provinciale alle attività produttive Francesco Trina che ha convocato, per mercoledì 25 gennaio alle ore 10:30, le organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL, UGL, USB e CISAL.
In una nota stampa Trina spiega: «L’incontro si rende necessario per evitare che il problema dei 1.300 lavoratori dello storico stabilimento di Anagni cada nel dimenticatoio. Nel corso della riunione verranno affrontati i nodi relativi al concordato preventivo e, rispetto ai possibili scenari di riconversione industriale, anche dell’interessamento da parte della multinazionale Ansaldo T&D».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito