il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cultura ::> Piglio, Persiste lo stato di abbandono del percorso contemplativo di San Giovanni Paolo II

Piglio, Persiste lo stato di abbandono del percorso contemplativo di San Giovanni Paolo II

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

alt PIGLIO - “Le piccole cose sono responsabili dei grandi cambiamenti”, scrive il grande scrittore brasiliano Paulo Coelho, e forse è il concetto più chiaro per definire la situazione in cui versa il percorso contemplativo di Giovanni Paolo II, una delle attrattive più importanti del territorio pigliese, o meglio lo era visto lo stato di abbandono e disinteresse in cui versa. E’ dall’inizio dell’anno, che a seguito di sollecitazioni di amanti di questo luogo immerso nel verde e molto spirituale,(che il Santo Padre Giovanni Paolo II amava percorre, tutte le volte che poteva allontanarsi dalla Santa Sede), torniamo nuovamente a puntare i riflettori sul suo stato di abbandono. La stele marmorea posta ad inizio del percorso , è da circa sette mesi , dopo un atto vandalico, che si trova gettata a terra e ormai soffocata dalla vegetazione. Vane tutte le sollecitazioni per ripristinarla. “Le piccole cose sono responsabili dei grandi cambiamenti”, il piccolo gesto in questo caso, sarebbe stato quello di riposizionare correttamente la stele, ma il Sindaco Felli e la sua amministrazione preferiscono abbandonarla. Atteggiamento questo, un po’ paradossale considerando che proprio quest’anno , ricorrono i 100 anni dalla nascita del Santo Padre; e non solo, è anche altamente ipocrita, se si pensa a tutte le volte che si parla di turismo ambientale e spirituale, che gli stessi amministratori promuovono e poi invece se ne disinteressano concretamente. E’ dai piccoli gesti dunque che nascono i grandi progetti, le crescenti iniziative e si promuove il territorio, in questo caso non c’è tutto ciò perché non ci sono i piccoli gesti , ed il Percorso Contemplativo di S.G.P.II, vive il suo percorso di declino.

alt

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito