il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cultura ::> Anagni, sabato 1 agosto I edizione del Viscere Festival, nato dalla collaborazione con Sciroppo Dischi e APS Albatro

Anagni, sabato 1 agosto I edizione del Viscere Festival, nato dalla collaborazione con Sciroppo Dischi e APS Albatro

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANAGNI - Sabato 01 Agosto, Anagni ospiterà la 1° edizione del VISCERE FESTIVAL, nato dalla genuina collaborazione del collettivo Viscere con l’etichetta indipendente Sciroppo Dischi e con l’associazione APS L’Albatro.
VISCERE nasce nel 2013 con l’intento di accogliere i tentativi più coraggiosi di fare musica in un contesto arretrato, sia culturalmente che sul piano delle risorse, come quello nostrano. Prima la compilation, poi i concerti in tutta Italia, con tante band dallo spessore artistico riconosciuto come Raein, Giardini di Mirò, Nadar Solo, Cosmetic, Mary in June e tanti altri. VISCERE ha suscitato da subito l’attenzione dei media e di diverse etichette discografiche, come la riminese Stop Records (tra le prime a sostenere il progetto), La Fine, la pugliese Upwind e infine la Sciroppo Dischi, con sede operativa ad Anagni.
Proprio la Città dei Papi ospiterà Sabato 01 Agosto il 1° VISCERE FESTIVAL, sostenuto da varie attività commerciali locali e supportato dalla partnership di realtà consolidate (Exitwell, Discover, Owl Pixel e 100 Decibel). La line-up è di quelle da ruggito assicurato: al calar delle luci i padroni di casa, i Valuna, ci porteranno in lande bianche e spazzeranno via la fastidiosa afa estiva. Sarà poi il turno dell’elegante folk-punk dei riminesi Girless & The Orphan e dei campani Kairo, emo-core high school. Gli headliner della serata, provenienti direttamente dal profondo Nord Italia e dal loro tour europeo, saranno gli Storm{O}, che non hanno bisogno di presentazioni e attireranno il pubblico post-hc di Anagni ma anche dei paesi limitrofi. Chiuderà l’evento il paranormale dj set di Aharon, membro dei Mary in June.
VISCERE è un’attitudine, un approccio senza compromessi alla musica ma anche a tutte le forme di creatività: per questo motivo presso il Parchetto, sede del Festival, troveranno grande spazio anche il teatro con la messa in scena dello studio teatrale “Winesburg, Ohoio. [Presentazione del work in progress]” , curato da Andrea di Palma e Serena Sansoni, esposizioni artistiche ed artigianato locale.
«Sarà un passo indietro, verso quello che eri. Un passo avanti, verso quello che vuoi essere. Un ritorno alle Viscere».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito