il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cultura ::> Trevi nel Lazio, oggi l’inagurazione della mostra di reperti archeologici recuperati dalla Finanza

Trevi nel Lazio, oggi l’inagurazione della mostra di reperti archeologici recuperati dalla Finanza

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

TREVI NEL LAZIO - Verrà inaugurata oggi (sabato 13 dicembre) alle ore 16:00 presso il Castello Caietani a Trevi Nel Lazio, un'interessante mostra archeologica dal tema "Aqua et Fontes- tra natura e archeologia". Si tratta di una mostra di grande spessore storico-culturale organizzata  dal Comune di Trevi Nel Lazio, che si avvale della preziosa competenza della Soc.Coop. "Il Betilio" che cura anche la direzione del locale museo archeologivi "D,A. Puerantoni", dal Gruppo Tutela del Patrimonio Archeologico della Guardia di Finanza, con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, Regione Lazio. Si potranno ammirare reperti archeologici rinvenuti nell'ambito dell'attività di recupero delle Fiamme Gialle, legate al tema dell'acqua, ed è proprio l'acqua che ha fatto da convergenza nello scegliere  quale location dell'evento Trevi Nel Lazio. Dai tempi dell'antica Roma era nota come  "Treba Augusta" città di cui restano numerose vestigia, tra cui l'antico acquedotto, perchè proprio da qui i romani realizzarono uno dei più grandi acquedotti, che accoglieva le acque del fiume  Aniene, che nasce a Trevi, fino a Roma.
La mostra da ancor più prestigio a Trevi, considerando che il Gruppo di Tutela del Patrimonio Archeologico della Guardia di Finanza non presenta di frequente i risultati dell’azione di recupero dei reperti nel contrasto alla criminalità in questo campo; ma partecipa solamente alle mostre annuali a Castel Sant’Angelo del Centro Europeo per il Turismo sui recuperi delle forze dell’ordine; e nel 2010 ha tenuto al Vittoriano da sola la mostra “Dal sepolcro al museo. Storie di saccheggi e recuperi. La Guardia di Finanza a tutela dell’Archeologia”. Nel biennio 2012-13 il suo reparto operativo ha recuperato 11.258 reperti archeologici, sequestrato 136.873 opere contraffatte e denunciato all’autorità giudiziaria 294 responsabili di tali violazioni, con un aumento del 50% rispetto ai recuperi del biennio precedente. Un’escalation di successi che va sottolineata.
«Ospitare una mostra di tale spessore -ha commentato l'Assessore al Turismo Vincenzo Cecconi- lusinga l'intera comunità trebana e l'intero territorio, abbiamo la possibilità oltre che ammirare le opere appartenenti a vari fasi storiche apprezzando l'importante lavoro svolto dalla Guardia di Finanza, ed anche di mostrare Trevi, con la sua storia, la sua architettura ed il suo patrimonio naturale. La presenza di questa mostra, arricchisce il nostro programma di eventi natalizi, che già sta registrando numeri elevati di presenze».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito