il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cultura ::> Fiuggi, riprende l’iniziativa «Visita guidata nel Borgo»: ogni domenica alle 17:30, fino a settembre

Fiuggi, riprende l’iniziativa «Visita guidata nel Borgo»: ogni domenica alle 17:30, fino a settembre

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

FIUGGI - «Dopo il successo della prima edizione dell’iniziativa “Visita Guidata nel Borgo”, il consigliere delegato al Centro Storico, Attività produttive, Commercio e Artigianato, Dr.ssa Sonia Terrinoni,  comunica l’avvio della seconda edizione a partire da domenica 15 luglio e  ogni domenica fino al 16 settembre, dalle ore 17.30 per circa due ore. Nel 2011 il centro storico di Fiuggi ha sviluppato questa forma di turismo integrato che mette in sinergia e collegamento la zona termale con l’area medievale.  Il successo dell’iniziativa è stato riscontrato sia nella partecipazione, sia nel gradimento espresso nei questionari.  I questionari venivano sottoposti alla fine del tour nel borgo e riportavano elogi e ringraziamenti per l’iniziativa . Alle visite hanno partecipato turisti che da anni venivano per le cure termali nella nostra città  ma ignoravano la storia e le bellezze del  borgo di Fiuggi. Il suggestivo percorso nel Centro storico di Fiuggi, dove i vicoli stretti conducono a piazzette amene, tocca anche le chiese che fanno parte integrante del tessuto del borgo: la chiesa di San Pietro, edificata nel XVII sec. sul luogo dove sorgeva una chiesetta intitolata a S. Lucia ha un interno a croce latina con tre cappelle sul lato destro e tre cappelle sul lato sinistro; la chiesetta di Santo Stefano di cui non  si conosce la data di costruzione è edificata sul  perimetro di un tempio romano dedicato ad Apollo.
Fuori le mura, apparti colare attenzione è dedicata alla Chiesa di San Biagio, intitolata al patrono della città, è la chiesa più antica di Anticoli di Campagna, ma non si conosce la data della sua costruzione. Si sa che nel 1000 apparteneva ai monaci benedettini di Subiaco, che nei loro viaggi per Montecassino vi effettuavano la sosta e il cambio dei cavalli.
Tra gli arredi della chiesa spicca il bellissimo affresco raffigurante la "Madonna con il Bambino" del sec. XIII di scuola giottesca. L’acquasantiera in pietra è ricavata dal capitello di una colonna romana, proveniente dalla villa di Nerone nella valle di Subiaco. Più recenti due pregevolissime tele: "San Lorenzo che battezza S. Ippolito" del pittore romano G. B. Speranza (1600-1640) allievo dell’Albani; "Madonna con Bambino tra S. Francesco e S. Agostino" di Giuseppe Cesari (1568-1640) detto Cavalier d’Arpino, maestro di Caravaggio».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito