il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cultura ::> Trevi nel Lazio, il consigliere Sibilia critica la propria maggioranza sul progetto musicale

Trevi nel Lazio, il consigliere Sibilia critica la propria maggioranza sul progetto musicale

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

TREVI NEL LAZIO - Il progetto denominato "ELISA - Suoni della Memoria" partito nel 2008 ha il fine di favorire il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immateriale di tradizioni musicali e orali di cinque regioni italiane (Basilicata, Lazio, Umbria, Puglia e Campania) attraverso la sua digitalizzazione e archiviazione, e successivamente la sua traduzione nei linguaggi contemporanei al fine di renderlo accessibile al grande pubblico ed in particolare ai giovani e agli anziani. Ente Capofila del progetto, la Provincia di Lecce. Tra i comuni coinvolti nel Lazio, è compreso il Comune di Trevi nel Lazio. La passata amministrazione Grazioli ha aderito al progetto con il Fondo Ettore De Carolis, considerato la più estesa ricerca sulle forme espressive della campagna laziale, condotta a partire dagli anni ’70 e fino alla morte dell’autore, nelle province di Roma, Frosinone e Rieti. Ettore de Carolis era un musicista di origini trebane, compositore, strumentista, autore di programmi televisivi, che ha lavorato con i grandi nomi della musica italiana e dello spettacolo, ma soprattutto ricercatore di suoni e di tradizioni legate al mondo contadino, in particolare della Valle dell’Aniene.
«Il Sindaco sig. Pierfilippo Schina dell’amministrazione in carica, nel mese di luglio 2011 mi assegnò l’inarico, come delegata della cultura, di seguire il Progetto -commenta il consigliere di maggioranza Maria Rita Sibilia-  La Provincia di Roma (Ente dispiegatore) voleva conoscere quali iniziative il Comune di Trevi nel Lazio intendeva adottare con i 16.000,00 € (risorsa destinata a Trevi) per la completa realizzazione del Progetto in questione. Non trovando nessun precedente in Comune, presi subito diversi contatti e attraverso la ricerca web, ho avuto modo di conoscere il Progetto Suoni della Memoria, subito informato il Sindaco e tutta la maggioranza. Nel frattempo, vengo a conoscenza che già dal mese di maggio 2011 dalla Provincia di Lecce, era arrivata una richiesta al Comune di Trevi (nessuno sapeva niente!) di rendicontazione contabile delle spese degli anni passati e della copia della delibera consiliare di aggregazione tra comuni (conditio sine qua non). Questo adempimento ancora non si è fatto. Dopo un po’ di tempo, rintraccio il numero di protocollo di entrata al Comune, il carteggio era stato assegnato all’assessore al bilancio, poi fermatosi all’assessore al turismo.
Continuo ancora la ricerca, rintraccio riferimenti giustificativi sia contabili, che amministrativi, come delibere e determine, partecipo all’incontro a Roma presso l' ANCI il 21 novembre 2011 con gli altri Enti per fare il punto della situazione. Dalla citata riunione è emersa la necessità di chiedere una proroga alla scadenza del 18 gennaio 2012. La mia intenzione, condivisa dal Sindaco, era quella di continuare il Progetto e pertanto ho presentato tre progetti riferiti "all’uomo-artista Ettore De Carolis".
Nel mese di febbraio è stata comunicata la proroga fino al 30 settembre 2012. Gli assessori al bilancio e al turismo del Comune di Trevi Nel Lazio, nell'ultimo Consiglio Comunale del 21 maggio, hanno affermato che il Progetto è stato recuperato, come? Hanno travisato il progetto esecutivo riferito a Ettore De Carolis, adattandone un altro completamente diverso relativo all'organo Bonifazi.
L’organo Bonifazi del 1634, collocato nella Collegiata S. Maria di Trevi, -conclude Sibilia- sicuramente è la “voce” più bella di Trevi, ma questo monumentale strumento, come può far parte del Progetto Suoni della Memoria, le composizioni musicali in programma sono d’autore, che cosa hanno a che fare con la musica popolare, i canti e i suoni immateriali di E. De Carolis?»

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito