il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cultura ::> Frosinone, si snoda sulla strada del vino cesanese il percorso delle Giornate di Primavera FAI 2012: Piglio e Paliano

Frosinone, si snoda sulla strada del vino cesanese il percorso delle Giornate di Primavera FAI 2012: Piglio e Paliano

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

FROSINONE - Il direttore della Strada del Vino Cesanese Maria Berucci commenta in una nota la manifestazione che si svolgerà nel prossimo weekend delle Giornate di Primavera FAI 2012: «Con grande entusiasmo attendiamo le Giornate FAI di Primavera che quest’anno torneranno per l’ottava volta in provincia di Frosinone e in particolare coinvolgeranno i siti storici e artistici di Piglio e Paliano, comuni sulla Strada del Vino Cesanese.
La filosofia con cui si svolgono le giornate provinciali del FAI, che permettono di scoprire realtà importanti e proprie della nostra storia e identità culturale, è perfettamente sinergica al ruolo importante della Strada del Cesanese sul territorio. Entrambe, infatti, s’inseriscono nell'ambito di un particolare modello di turismo che fa riferimento a un diverso modo di viaggiare diffusosi negli ultimi anni, dove vacanza non è sola ricerca di divertimento e ozio, ma è uno strumento di conoscenza e crescita culturale che permetta di approfondire i legami con il territorio visitato e di scoprirne le tradizioni. Come il turismo enogastronomico rappresenta la chiave per entrare in contatto diretto con tutte le risorse storiche e culturali da cui la tradizione agricola spesso deriva, così scoprire siti di rilevante importanza storico-artistica e paesaggistica porta a conoscere le nostre radici rurali.

La sinergia tra le due realtà, con il collante dell’ente provinciale, potrà rafforzare nelle giornate di sabato 24 e domenica 25 marzo, quel circolo virtuoso che porta l’impegno sincero dal pubblico al privato nel favorire la promozione e il godimento delle proprie “attrazioni” in modo globale e armonioso, cercando di rafforzare il rapporto in primis con la popolazione residente e poi con il visitatore, ponendo attenzione a ogni aspetto ambientale, storico, culturale e sociale. La chiave del successo sta nel valorizzare le diverse realtà e peculiarità, dando non solo servizi e prodotti ma esperienze che sono tali proprio perché nascono dalla condivisione comune delle bellezze della nostra provincia, che si trasforma ogni volta in una profonda e collettiva manifestazione d’affetto, di orgoglio e di identità nazionale, come ben espresso dal Capo Delegazione Provinciale del FAI, Pio Roffi Isabelli.

Nelle giornate FAI si rinnova con più forza l’impegno e l’attenzione della Strada del Vino a tutelare e promuovere il territorio attraverso una convinta e sentita politica di sostenibilità dello sviluppo e il desiderio di attuare con l’amministrazione provinciale e la delegazione provinciale del FAI un’adeguata politica ambientale che permetta di mantenere inalterate le qualità e le attrattive essenziali del nostro patrimonio rurale; lo scopo è di assicurarne le bellezze storiche, paesaggistiche e agricole, risorse da cui dipende maggiormente il nostro successo».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito