il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Piglio, In 2 anni microchippati circa 6000 cani

Piglio, In 2 anni microchippati circa 6000 cani

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

alt PIGLIO - Con la giornata di mercoledì ad Alatri, si è svolta l'ultima giornata della campagna di microchippatura gratuita per l'anno 2019 organizzata dell'Accademia Kronos Sezione Provinciale di Frosinone (con sede in Piglio). Anche in questa seconda edizione annuale, la campagna di microchippatura gratuita ha toccato i territori di tutti i Comuni della Provincia di Frosinone, con grande partecipazione e plauso, ed oltre al patrocinio dei vari Comuni coinvolti, ha avuto quello della Regione Lazio, la collaborazione dell’Asl Veterinaria di Frosinone. “Esprimo un grande orgoglio a nome di tutti i volontari dell’Accademia Kronos sezione provinciale di Frosinone –ha commentato il comandante Armando Bruni  (nella foto in basso con il Presidente Nazionale Floris)- in questi due anni che svolgiamo tra le varie iniziative quello della microchippatura, sono stati microchippati gratuitamente circa 6000 cani, un numero importante che sottolinea un grande risultato, è importante la collaborazione del dott. Mauro Baldassarre, del dott. Luciano Figliozzi. Parallelamente all’attività di microchippatura, abbiamo attuato un comunicazione informativa e di sensibilizzazione, perché chi è proprietario di un cane, deve sapere che il microchip è obbligatorio per legge e deve essere presente su tutti i cani, che siano di razza o meno, di taglia grande o piccola. Dal 1 gennaio 2005, il microchip è l’unico sistema identificativo nazionale per gli animali d’affezione, come cani, gatti. Si tratta di un piccolo dispositivo elettronico, racchiuso in una capsula di vetro biocompatibile. All’interno, un chip “leggibile” solo da un apposito lettore, contiene un codice univoco di 15 cifre che racconta la storia di ogni cane e permette di risalire al nome e alla residenza del suo proprietario. E’ fondamentale in relazione all’anagrafe canina istituita nel 1991 che permette d’identificare tutti i cani attraverso un codice. Il microchip, se correttamente depositato nell’Anagrafe Canina di residenza, costituisce un vero e proprio titolo di proprietà. Questo codice di 15 cifre dichiara infatti a chi appartiene il cane e di conseguenza i doveri che il proprietario ha nei confronti. Tra le tante iniziative –conclude il comandante Bruni- che l’Accademia Kronos sezione provinciale di Frosinone mette in atto per tutelare gli animali contrastando la piaga del randagismo , quella della microchippatura gratuita è decisamente fondamentale “.

alt

 

 

 

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito