il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Trevi Nel Lazio, La Maggioranza del Sindaco Grazioli vanifica le dichiarazioni del consigliere di minoranza Bianchini

Trevi Nel Lazio, La Maggioranza del Sindaco Grazioli vanifica le dichiarazioni del consigliere di minoranza Bianchini

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

alt TREVI NEL LAZIO - Oltre ad un ricco calendario di eventi estivi, le calde giornate di Trevi Nel Lazio vengono movimentate dal dibattito politico-amministrativo subito dopo l’ultima seduta consiliare per l’approvazione del riequilibrio di Bilancio. Così dalla sede comunale l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Silvio Grazioli, ha emanato nei giorni scorsi un comunicato stampa molto chiaro ed esaustivo rispondendo, all’esternazioni incoerenti illustrate in un video dal consigliere di minoranza Pietro Bianchini, cogliendo l’occasione per rimarcare l’inattaccabile operato svolto in quasi 5 anni di gestione della cosa pubblica. “Alcuni giorni fa –si legge nel comunicato- il consigliere comunale di opposizione Bianchini ha rilasciato, in una diretta sui social, un’intervista nella quale si è abbandonato ad una serie di considerazioni personali fuori luogo, fuori tempo e soprattutto manipolate ad arte per creare un clima di paura nella speranza di lucrare qualche consenso elettorale. In primo luogo ha affermato che il disavanzo di bilancio sarebbe frutto delle politiche dell’attuale amministrazione, dicendo una cosa non vera e sapendo di dirla, infatti il disavanzo si compone nelle poste maggiori dall’anticipo di liquidità per circa 300.000 euro è stato contratto nel 2013 e da circa un milione e centomila euro per accantonamenti per residui dubbia esigibilità, sarebbero in gran parte tasse locali IMU, TASI, TARI ecc non pagate negli ultimi vent’anni; ma come era lo stesso consigliere che tre anni fa in consiglio comunale rilevava quello che aveva scritto la Corte dei Conti sui bilanci 2011, 2012 e 2013, deducendone che nel riaccertamento straordinario dei residui fatto dalla precedente amministrazione nell’aprile del 2015 non erano stati tolti i residui di dubbia esigibilità, e che quindi il risultato di amministrazione di fatto aveva un disavanzo? Come mai a distanza di tre anni ha cambiato opinione? Forse, come il sindaco Grazioli gli ha detto nell’ultimo consiglio comunale perché nel frattempo ha cambiato alleanze stringendo un patto con l’ex assessore Cecconi? Nella vita chi fa il salto della quaglia non viene molto apprezzato dai cittadini. Per carità, ognuno fa la sua politica, tanto i cittadini sanno ben distinguere chi opera nell’interesse del paese e chi invece crea allarmismi, ed infatti sempre il consigliere Bianchini evoca lo spettro del dissesto, vorremmo soltanto ricordargli che il dissesto il comune di Trevi lo ha dichiarato esattamente venti ani fa l’allora amministrazione Barbona, adducendo le responsabilità del precedente assessore al bilancio che, sorpresa, era proprio il consigliere Bianchini! Caro consigliere sei il meno abilitato a dispensare consigli ed a fare l’oracolo. Noi invece abbiamo individuato la strada per il ripianamento del disavanzo insieme alla Corte dei Conti, vale a dire prendendo il rimborso che l’ACEA deve al comune per 1.326.000,00 euro ed estinguendo il mutuo contratto con la Cassa depositi e Prestiti nel 2008 per fare la rete fognaria di Trevi e la pavimentazione del centro storico, per questo mutuo paghiamo ogni anno 110700,00 fino al 2039, mentre estinguendolo, dal 2020 non daremo più questi soldi alla Cassa ed il risparmio andrà a coprire il disavanzo. Questa è la posizione chiara e trasparente che va incontro agli interessi di tutta la comunità, guardando non soltanto all’immediato, ma anche al futuro della nostro paese, e lo dimostra il fatto che noi le tasse le abbiamo abbassate, seppur di poco , ma le abbiamo abbassate. A dare manforte al consigliere di opposizione ci pensa l’ex assessore Cecconi, il quale pontificando sui social afferma, falsamente, che noi ci stiamo svendendo l’acqua alla Acea. L’amministrazione di Trevi ha approvato in consiglio una delibera la n. 45 del 2018 con la quale ribadisce che non intende cedere il servizio idrico alla Acea, l’unico che è uscito dal consiglio e non l’ha voluta votare è proprio il consigliere Bianchini , che per questo dovrebbe rendere conto ai cittadini. La convenzione ed il rimborso del 1.326.000,00 euro –continua la nota- riguardano soltanto le fogne di Trevi, quelle delle Altipiani sono del Corecalt che entro il 30 novembre le cederà ad ACEA, mentre il depuratore sono tanti anni che già lo gestisce l’ACEA. La stessa ACEA ha chiesto l’intervento della Prefettura per nominare il commissario ad acta per il passaggio del servizio idrico dei comuni della provincia di Roma che ancora non l’hanno ceduto, La Prefettura di Frosinone aveva nominato i commissari per tutti i comuni di ACEA ato 5 che non avevano aderito già 6 anni fa, Trevi e Filettino sono in Acea ato 2, noi siamo stati diffidati e ci siamo opposti con la delibera richiamata, e continueremo ad opporci in tutte le sedi anche al TAR, speriamo che anche il consigliere di opposizione ci ripensi e sostenga l’amministrazione in questa battaglia. Nel frattempo prima dell’adempimento della Convenzione e del rimborso del mutuo l’Acea non potrà iniziare alcuna azione coattiva né chiedere l’intervento della Prefettura. Mentre proprio in relazione al mutuo Acea noi vorremmo fare alcune domande all’ex assessore Cecconi, come mai avete utilizzato parte dei soldi del mutuo ACEA per pagare i lavori della ditta Alice per i lavori fati sui marciapiedi di Viale Cesare Battisti (si allega il mandato di pagamento); come mai per questi lavori non avete preso alcun impegno di spesa, ma avete fatto soltanto delle liquidazioni richiamando future devoluzioni di mutui ( determina 675 del 17.10.2014 allegata alla presente)? Questo lavoro sui marciapiedi rappresenta un obbrobrio che grida vendetta agli occhi della comunità, forse per fare l’ingresso ad alcuni garage, magari per qualche nonno il cui nipote si erge a novello paladino dei diritti del fiume, e stranamente non perde occasione per essere presente ad ogni evento che crea problemi come l’abbandono di cuccioli, l’abbandono di rifiuti e quant’altro, dispensando parole di veleno tra la piazza a Colledruni. Sappia che condividiamo il giudizio che di lui ha dato qualche anno fa un noto professionista di Trevi. Quando parla degli altri non ragioni a naso, con intuito si direbbe, ma utilizzi la forza della ragione. Forse spera in una nuova amministrazione che ridia la responsabilità di servizio a qualche dipendente per consentire a quest’ultimo di guadagnare migliaia di euro in più? Lo sappia questo è un giudizio che non spetta a lui, ma soltanto ai cittadini elettori. Ci dica quindi l’ex assessore perché sono stati utilizzati i soldi del mutuo senza impegno e senza autorizzazione della Cassa Depositi e Prestiti alla ditta Alice per i marciapiedi a viale Cesare Battisti, e già che ci siamo ci dica perché alla stessa ditta Alice che ha fatto i lavori ai giardini, non avevano assunto l’impegno di spesa di 91 mila euro, di cui una parte, 22 mila euro con relativi interessi e spese, ha dovuto pagare l’attuale amministrazione? Siamo al solito giochino o non si fa l’impegno o si fa la liquidazione, così che non vengono calcolati nel disavanzo, tanto poi paga l’attuale amministrazione. Caro ex assessore Cecconi –conclude il comunicato- noi quando siamo entrati abbiamo dovuto pagare circa 2.200.000.00 euro di lavori tra PSR, mutui e Finanziamenti, già ve lo abbiamo scritto, anche un elefante sarebbe crollato, noi ancora stiamo qui e chiediamo e pretendiamo che tu ci risponda ad ogni determina che citeremo, una alla volta per meglio far capire ai cittadini, se invece parlerai d’altro, te lo chiederemo di nuovo e con nuovi documenti”.

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito