il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Serrone, Confronto diretto tra il Sindaco, ragazzi e genitori

Serrone, Confronto diretto tra il Sindaco, ragazzi e genitori

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

altSERRONE - Una presa di posizione importante e significativa quella del Sindaco di Serrone Natale Nucheli, che su suo invito ha incontrato presso la sala consiliare del Comune di Serrone i ragazzi individuati quali responsabili di alcune azioni che, in particolare durante le festività natalizie, avevano fatto discutere per alcuni danni provocati. Infatti durante le festività natalizie furono danneggiati in piazza F.Pais i due presenti allestiti, quello della parrocchia del Sacro Cuore di Gesù distruggendo la statua a grandezza naturale del Bambinello ed il presepe allestito dall’Associazione locale “Gli Amici di Danilo”. Di fronte ai genitori, e alla presenza di don Piero Isola parroco di La Forma, e di due rappresentanti dell'associazione culturale Amici di Danilo (interessati dai danni), il sindaco ha parlato a lungo con i ragazzi contestando loro i diversi episodi e, soprattutto, spiegando che qualsiasi azione, anche laddove non ci sia dolo, finisce per penalizzare il sacrificio, l'impegno e i costi sostenuti, quasi sempre in modo volontario, da altri cittadini del paese o dalle istituzioni. “Ho ritenuto importante –sottolinea il Sindaco Nucheli – responsabilizzare le famiglie e i ragazzi, per far capire loro il comportamento corretto da tenere nell'ambito di una comunità come la nostra. E' stato molto positivo l'approccio dei genitori, che hanno condiviso con me questo percorso, teso a mettere i propri figli di fronte alle loro responsabilità. L'incontro di ieri è soltanto il primo passo di un percorso che, di volta in volta, vogliamo ripetere con chiunque sia individuato come responsabile del danneggiamento di un bene pubblico. Al proposito credo che difficilmente si ripeteranno situazioni spiacevoli convinto che la bontà delle famiglie e l'intelligenza dei ragazzi serva a far sì che questa situazione sia di esempio per molti altri”. L'incontro si è concluso con la decisione, unanime, di impegnare i ragazzi chiamati in interventi di pubblica utilità, un modo per far comprendere loro che tutti possiamo dare un contributo importante a rendere migliore, e non peggiore, il paese in cui viviamo.

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito