il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Acuto, «In Comune» pubblica un nuovo volantino sui lavori della scuola materna: «scandalo infinito»

Acuto, «In Comune» pubblica un nuovo volantino sui lavori della scuola materna: «scandalo infinito»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ACUTO - Secondo volantino a distanza di una settimana del Gruppo Consiliare «In Comune» sui lavori effettuati presso la scuola materna di Acuto. Ne riportiamo il testo: «Dopo il volantino del 5 luglio torniamo sull'appalto dei lavori della scuola dell'infanzia S.Maria De Mattias. Il Comune di Acuto ha pagato ingenti somme per lavori realizzati e mai effettuati, come risulta evidente dal confronto tra le opere realizzate e quelle pagate nello stato finale. Nello specifico da un primo esame si può facilmente evidenziare che:

1. È stato pagato lo smontaggio dei vecchi infissi, opera mai effettuata, essendo i vecchi infissi ancora in bella mostra presso l'asilo.
2. È stata pagata la posa in opera delle nuove finestre che nessuno ha mai visto.
3. È stata pagata la rimozione della vecchia pavimentazione e del vecchio massetto, opera mai realizzata;
4. È stata pagata la realizzazione del nuovo massetto in sabbia e cemento per uno spessore di circa 6 cm, opera mai realizzata;
5. È stato pagato l'isolamento del pavimento dall'umidità opera mai realizzata;
6. È stata pagata la posa in opera del nuovo pavimento in «piastrelle di grés fine porcellanato (prima scelta)» opera sostituita con l’incollaggio di linoleum sul vecchio
pavimento senza che che ciò risulti in nessun atto pubblico e senza senza le dovute accortezze dato che la pavimentazione ad oggi risulta scollata e rigonfia in più parti;
7. È stata pagata la posa in opera di un tavolato piallato per l'appoggio delle tegole, che dalle notizie avute negli ultimi giorni da zelanti cittadini in possesso di documentazione fotografica, da noi visionata, sembrerebbe non essere stato predisposto mai realizzato, per questo abbiamo predisposto un’interrogazione sull’argomento.

Altre stranezze che abbiamo rilevato in questi giorni riguardano la dichiarazione del Sindaco rilasciata al giornalino il giorno dell’inaugurazione dei lavori in cui parlando del ritardo della consegna dei lavori (che non ha comportato penali) si giustificava dicendo: «Ma questo è dovuto alla complessità delle lavorazioni, ed in particolare delle pavimentazioni, che hanno richiesto una grande mole di lavoro per essere completate» per quale motivo il Sindaco propinava una così evidente balla alla cittadinanza visto che i lavori previsti della pavimentazione non erano stati eseguiti?

Ma c'è di più, nel resoconto dell'articolo facilmente rintracciabile a questo link, c'è scritto chiaramente che: «I lavori hanno interessato le strutture dell’edificio: si è provveduto al rifacimentodel tetto e al consolidamento delle murature, alla realizzazione dell’impianto elettrico completamente nuovo, all’isolamento termico e alla protezione dalle infiltrazione di umidità dal sottosuolo tramite l'installazione di un apposito pannello isolante. Anche i vetri degli infissi sono stati completamente sostituiti, mettendoli a norma sia da un punto di vista dell'isolamento termico che della sicurezza in caso di rottura».
La domanda sorge spontanea, al di là dell'elenco di lavorazioni mai effettuate, ma se il 20 ottobre giorno dell'inaugurazione della scuola, si sapeva che non erano state cambiate le finestre, ma solo i vetri, perché 10 giorni dopo, ovvero il 30 ottobre, il Comune ha paga la posa in opera di finestre nuove?
Viste le dimensioni oramai enormi dello scandalo con coincidenze alquanto anomale, gli amministratori che ad oggi ancora non hanno preso alcun provvedimento, non ritengono doverosa una presa di coscienza rassegnando le dimissioni?
Ribadiamo le 10 domande poste al sindaco e ancora senza risposta sui lavori dell’asilo:

1. Dov’erano il Sindaco e l'assessore ai lavori pubblici quando il Comune pagava
tutti quei soldi per lavori mai fatti?
2. È mai accaduto a casa del Sindaco o dell'assessore ai lavori pubblici di pagare finestre nuove e ritrovarsi quelle già installate anni prima?
3. Dopo quanto accaduto per i lavori di miglioramento delle infrastrutture scolastiche è stato dato qualche altro incarico allo stesso Direttore dei lavori?
4. Perché il Sindaco nella relazione di fine mandato svolta un anno fa ha indicato il tecnico in questione come «amico dell'amministrazione»? Cosa significa per il Sindaco essere «amico dell'amministrazione»? . . .
5 A circa 2 mesi dalla nostra interrogazione quali azioni ha intrapreso per recuperare le somme pagate per lavori mai effettuati?
6. Di tale inefficienza e opacità è stata investita l’ANAC, ente amministrativo istituito per il controllo degli appalti pubblici?
7. Sono state inviate al Ministero della Pubblica Istruzione dettagliate notizie di quanto accaduto nello svolgimento dei lavori all’edificio della scuola dell’infanzia a rettifica degli atti ufficiali inviati pieni di inesattezze e per nulla attinenti con quanto avvenuto nella realtà?
8. La Corte dei Conti è stata informata dell’accaduto?
9. Perché né il Sindaco né i consiglieri di maggioranza sempre pronti a riempirsi la bocca di chiarezza e trasparenza, non hanno sentito il dovere di informare la maggioranza?
10. Perché il Sindaco si ostina a non voler istituire, come da noi richiesto, una commissione di indagine ex art. 44 del Testo Unico degli enti locali?»

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito