Pontecorvo, minaccia di far saltare in aria casa con gas. Arrestato 45enne dopo irruzione dei Carabinieri

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

altPONTECORVO - All'alba di ieri i Carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo Comando provinciale di Frosinone, isieme a quelli della Compagnia di Pontecorvo, hanno tratto  in arresto per “resistenza e minacce a Pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento” S.M.S.B., 45enne cittadino egiziano domiciliato a Pontecorvo, già censito per reati contro il patrimonio e sottoposto a regime di arresti domiciliari.

I militari operanti infatti erano intervenuti sul posto poiché l’uomo aveva minacciato di far esplodere, mediante l’utilizzo del gas,  l’intero palazzo in cui abitava.  In evidente stato di escandescenza, Oltre a lanciare sulla pubblica via oggetti e suppellettili vari (ante di finestre in alluminio, piatti, tazze ed altro), ha iniziato ad invenire contro i militari,  proferendo minacce e frasi oltraggiose.

Valutata attentamente la situazione, vista la delicatezza del momento i Carabinieri, dopo aver posto in sicurezza il condominio e l’area circostante facendo interrompere l’erogazione del gas e provvedendo a circondare l’intera zona, hanno intavolato una  paziente trattativa allo scopo di convincere il 45enne ad arrendersi e soprattutto a desistere nel portare a compimento il gesto annunciato. 

Dopo vani tentativi, i Carabinieri, coordinati e diretti dal Tenente colonnello Fernando Maisto, hanno deciso di fare irruzione all’interno dell’appartamento. Dopo aver sfondato il portone di ingresso ed essere entrati nello stabile, l'uomo è stato bloccato e disarmato dal grosso coltello da macellaio che brandiva e quindi immobilizzato.

Nella circostanza alcuni militari riportavano lesioni, tanto da dover ricorrere alle cure dei sanitari del locale Ospedale Civile.  L’intero appartamento è stato sequestrato così come i due coltelli (in foto) posseduti dall’uomo. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

Le indagini  sono ancora in corso per definire i motivi che hanno  spinto l’uomo ad  ideare e mettere in atto quanto sopra menzionato.

 

Share

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito