il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Ferentino, Vanessa Villani esce dal coma dopo tre mesi e fa arrestare il compagno per tentato omicidio

Ferentino, Vanessa Villani esce dal coma dopo tre mesi e fa arrestare il compagno per tentato omicidio

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FERENTINO - È stato il compagno a fracassarle il cranio il 17 marzo scorso, facendola finire in coma per tre mesi, in bilico tra la vita e la morte. Ma ne è uscita Vanessa Villani, 31enne di Ferentino, e ha potuto così denunciare il suo aggressore: si tratta del suo compagno 28enne.
L’uomo è stato arrestato per tentato omicidio dagli uomini della Squadra Mobile di Frosinone.

Unico testimone dei fatti era stato il figlio di un anno della coppia: la giovane era stata soccorsa dalla madre che l’aveva trovata in fin di vita in un mare di sangue.
Le indagini sono state condotte dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone, dott. Vittorio Misiti.
La versione fornita dal convivente agli investigatori era apparsa fin dal principio inverosimile, a cominciare dalla parte in cui il ragazzo aveva raccontato di aver trascorso la notte dormendo a casa dei suoi genitori, dormendo in mezzo a loro.
Gli elementi raccontati dalla ragazza al suo risveglio dal coma sono hanno invece trovato riscontri fattuali, facendo crollare l’alibi del convivente.
L’uomo dovrà rispondere di tentato omicidio.

La vicenda è stata oggetto di una dichiarazione dei deputati SEL Ileana Piazzoni e Nazzareno Pilozzi: «Alla Camera abbiamo appena votato all'unanimità la mozione sul contrasto alla violenza di genere - dichiarano i deputati SEL Ileana Piazzoni e Nazzareno Pilozzi - scaturita dalla sintesi tra le molte proposte, discusse e approvate, nella ferma convinzione che la civiltà del nostro Paese si misura anche dalle misure concrete che saremo capaci di mettere in campo per promuovere una cultura di pieno riconoscimento dei diritti, della dignità, della libertà e dell'uguaglianza delle donne.
Non trascorre giorno, infatti, senza che la cronaca riporti un caso di violenza: abbiamo da poco appreso la notizia dell'arresto a Ferentino dell'aggressore della 31enne rimasta in coma per oltre un mese. Rispetto al tema del femminicidio e dei reati ad esso connessi siamo quindi tutti chiamati, come istituzioni e come attori territoriali, ad una assunzione di responsabilità rispetto alla protezione e alla sicurezza di tutte le donne».


Ultimo aggiornamento Martedì 04 Giugno 2013 16:55

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito