il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Ricettazione in concorso, arrestati due romeni per furti a Serrone e nei comuni limitrofi

Ricettazione in concorso, arrestati due romeni per furti a Serrone e nei comuni limitrofi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

SERRONE - Sono stati arrestati alle prime ore di questa mattina mattina a Serrone (FR) e Celano (AQ), due cittadini rumeni, un 32enne, ed un 24enne, dai militari della Compagnia di Anagni, con la collaborazione della Compagnia di Avezzano (AQ). Gli arresti hanno dato seguito all’Ordinanza di custodia cautelare emessa, per il reato di ricettazione in concorso, dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone, su richiesta della Procura della Repubblica, che ha integralmente accolto i risultati delle indagini svolte dai Carabinieri  della Stazione CC di Piglio (FR).
L’attività d’indagine, avviata in seguito ad alcuni furti consumati nel territorio di Serrone alla fine del 2012, specie in località Monte Scalambra, nonché in alcuni Comuni viciniori, consentiva di recuperare, nei primi giorni del 2013 ed in due distinte circostanze, una consistente refurtiva – che spaziava “dai TV a schermo piatto ai P/C ad altro materiale HI-TECH, per arrivare a costosi attrezzi da lavoro” - per un valore complessivo di circa 60.000,00 (sessantamila/00) euro, poi interamente restituita ai legittimi titolari.
Il prosieguo delle indagini ha permesso di identificare i due soggetti a cui era riconducibile l’attività illecita. Contestualmente sono state denunciate in stato di libertà di altre 5 persone, di cui 4 rumeni ed un italiano originario di Serrone, che, a vario titolo, risultavano coinvolti nella ricettazione del materiale rubato.
Questa mattina, in Serrone, nel corso dell’esecuzione del provvedimento, è stato rinvenuto ulteriore materiale provento di furto, per un valore di euro 10.000,00 (diecimila/00) euro. Anche in questo caso sono stati recuperati TV a schermo piatto, P/C, costosi trapani ed arnesi da lavoro di vario genere.
Al termine delle formalità di rito, degli arrestati, l’uno è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone, mentre l’altro si trova agli arresti domiciliari.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito