il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Anagni, giornata di mobilitazione per l'Ospedale. Istituzioni e cittadini in strada per scongiurarne la chiusura

Anagni, giornata di mobilitazione per l'Ospedale. Istituzioni e cittadini in strada per scongiurarne la chiusura

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

altANAGNI - La protesta pacifica della piazza ha spazzato via anche quelle nuvole che, nei giorni scorsi, avevano riversato fiumi di acqua dal cielo.

E così un raggio di sole ha accolto i manifestanti che, numerosi, hanno invaso porta Cerere fin dalle prime ore del mattino.

Tutti uniti a ribadire il forte NO alla chiusura del martoriato Ospedale di Anagni e a ribadire il diritto alla salute e al lavoro per Anagni e il suo comprensorio.

Il Comitato Salviamo l'Ospedale di Anagni ha diffuso poco fa sul web un ringraziamento ad associazioni e cittadini partecipanti. Forse se ne aspettavano di più. O forse di meno visto il maltempo annunciato. Ma i numeri sono poca cosa dinanzi alla qualità delle richieste: la salute dei cittadini di questa zona della Ciociaria è cosa sacra. Non si svende.

Con questi slogan e queste intenzioni i manifestanti si sono messi in fila lungo via Vittorio Emanuele. In strada il Sindaco Carlo Noto con il Gonfalone della città, assessori e consiglieri comunali di maggioranza e opposizione. E poi amministratori delle città limitrofe, scuole della città con i loro vessilli istituzionali ma anche sindacati, cittadini, studenti, pensionati, mamme con i loro figli e negozianti, che al passaggio della sfilata hanno abbassato le serrande in segno di partecipazione.

altAnagni si ferma. Non è disposta più a svendere la sua salute e i suoi diritti conquistati da tempo. La vicenda del nosocomio e il drammatico fallimento della Videocolor stanno lì a gridare il sopruso di cui questo territorio è stato vittima. A testimoniarlo anche rappresentanti istituzionali come il consigliere regionale Francesco Scalia e l'eurodeputato Francesco De Angelis.

Il corteo raggiunge l'ospedale. Il presidio di via Onorato Capo è praticamente semivuoto, quasi svuotato di pazienti e personale. Davanti al piazzale il comitato raccoglie certificati elettorali da riconsegnare simbolicamente al Prefetto. Un'altra forma di protesta eclatante che, si spera, ottenga l'esito voluto.

Intanto sono pronti i puilmann dell'amministrazione comunale per Frosinone. Obbiettivo la Prefettura, dove arriverà una parte di questo corteo, per solidarizzare con gli operai ex Videocolor da giorni caparbiamente in strada a presidiare per chiedere la proroga della cassa integrazione e scongiurare la mobilità.

La giornata scorre via tranquilla sotto lo sguardo vigiìle delle forze dell'ordine, tra la sensazione della gente che manifestare serva a poco ma anche la consapevolezza che, non si può più lasciarsi dettare il futuro da qualcun altro. Mai più.
(Foto Facebook)

 


La manifestazione del 30 novembre ad Anagni: stralci di alcuni interventi

 
La manifestazione del 30 novembre ad Anagni: l'intervento di Francesco Scalia
 

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Dicembre 2012 00:47

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito