Ospedale di Anagni, ASL annuncia riapertura Pronto soccorso. Noto continua sciopero della fame

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANAGNI - Continua lo sciopero della fame del sindaco Carlo Noto per scongiurare la chiusura dell'Ospedale cittadino.

Dalla ASL intanto arrivano rassicurazioni sulla riapertura almeno del Pronto soccorso, chiuso con delibera del 31 ottobre in via "temporanea" in attesa della sua trasformazione in punto di Prime cure sanitarie.

A dare la notizia lo stesso Noto che però ha anche assicurato: «Continuerò a digiunare fino alla firma del Decreto».

Intanto il sindaco ha ricevuto la visita e la solidarietà del capogruppo del Partito Democratico Egidio Proietti, a testimonianza dell'attenzione per la scelta estrema di Noto e della volontà bipartisan di lottare per evitare il tracollo della struttura ospedaliera.

La riapertura del Pronto soccorso potrebbe essere già di oggi ma resta la grave crisi in cui versa il nosocomio di via Onorato Capo. La vera partita, quella decisiva, sarà dinanzi al tribunale amministrativo ai primi di dicembre.

Solo allora un giudice valuterà il merito dei decreti di chiusura firmati Renata Polverini. E solo allora si saprà davvero se le decisioni della Regione Lazio sono lesivi del diritto alla salute dei cittadini del comprensorio oppure altnecessarie al buon funzionamento della sanità regionale in un'ottica di dimensionamento e razionalizzazione. Per ora la battaglia continua, così come il clima politico infuocato tra maggioranza di centrodestra alle corde (dopo l'ultimo consiglio comunale dove si è rischiata la crisi politica) e  sotto accusa per aver avallato politicamente le scelte del centrodestra regionale in questi anni e le opposizioni, che tentano di trarre il massimo vantaggio politico da una vicenda tristissima, che colpisce la dignità e i diritti di tante persone, che hanno sempre trovato nell'Ospedale di Anagni un punto di riferimento sicuro pe rla cura e e l'assistenza sanitaria.
In vista anche un'assemblea tra tutti i rappresentanti degli enti territoriali coinvolti dalla chiusura dell'Ospedale per valutare le iniziative da intraprendere a difesa di questa istituzione.

Share

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Novembre 2012 17:36

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito