il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Lazio, Polverini intenzionata a rinviare il voto al 2013: «Complicato organizzare elezioni a dicembre»

Lazio, Polverini intenzionata a rinviare il voto al 2013: «Complicato organizzare elezioni a dicembre»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - «Sono in corso approfondimenti con il Ministero dell’Interno e la  prossima settimana incontrerò il prefetto Giuseppe Pecoraro. Ci sono aspetti organizzativi ed economici da valutare, chi mi attacca fa facile demagogia». Con queste parole riferite a Il Messaggero, Renata Polverini, dimissionaria governatrice della Regione Lazio, ha riaperto la questione della data delle elezioni regionali.
Il problema, secondo la Polverini, sta nel fatto che i tempi sarebbero troppo stretti per organizzare regolarmente le elezioni: «Non è una piccola regione, non saremmo in grado di votare a dicembre». L’assessore al bilancio Stefano Cetica sostiene la posizione della governatrice: «Andare al voto nel mese di dicembre è tecnicamente impossibile ed economicamente insensato», ha dichiarato all’ANSA.
Sulla stessa linea il sindaco di Roma Gianni Alemmano: «Concordo con la Polverini, non ce la si fa a fare le elezioni entro dicembre, bisogna puntare all'election day. In questo momento non credo valga la pena di spendere 27-28 milioni di euro per fare elezioni separate. Credo che si possa trovare un election day che mette insieme tutto».
«Preoccupazione per le parole di Alemanno e Polverini» è stata immediatamente espressa dal capogruppo PD Esterino Montino, che teme l’intenzione del centrodestra di «bloccare una regione in piena emergenza economica e democratica».
Il candidato alla Regione Nicola Zingaretti al TG3 ha lanciato un’appello: «a nostra Regione è stata umiliata, date ai cittadini la possibilità di decidere chi deve governare».
Il deputato PD Michele Meta rilancia le accuse: «Non si può tenere in ostaggio un'assemblea legislativa, un'intera regione, un sistema economico e sociale - aggiunge - per convenienze politiche, o peggio per garantire le proprie truppe fino a Febbraio. Chiediamo al Ministro Cancellieri un intervento deciso per consentire ai cittadini del Lazio di dare un giudizio su quanto è accaduto e per garantire con il voto, senza ulteriori alibi, un governo regionale che ci faccia uscire al più presto da questa emergenza democratica».
In effetti ci sarebbe il problema della legge, che impone termini tassativi per lo svolgimento delle nuove elezioni a decorrere dalla data di scioglimento del Consiglio Regionale: la palla passa a questo punto al Ministro Anna Maria Cancellieri, che già nei giorni scorsi aveva indicato nei 90 giorni il limite entro cui svolgere le votazioni.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito