il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Vallecorsa, rapina in gioielleria da mezzo milione: carabinieri arrestano bandito e recuperano refurtiva

Vallecorsa, rapina in gioielleria da mezzo milione: carabinieri arrestano bandito e recuperano refurtiva

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

VALLECORSA -Hanno fatto irruzione nel tardo pomeriggio di ieri tre individui, di cui uno armato pistola e volto coperto, all’interno della gioielleria “Idee d’oro” in via Roma: dopo aver immobilizzato con fascette di plastica la coppia di anziani gioiellieri, sotto la minaccia di una pistola, si sono fatti aprire la cassaforte e ne hanno trafugato il contenuto: monili d’oro e pietre preziose.
I tre si sono poi dileguati a bordo di una Fiat Uno (risultata oggetto di furto perpetrato la stessa mattina a Terracina), ma sono stati notati da un militare della Stazione di Vallecorsa, il quale, con la propria autovettura, inseguiva i malviventi comunicando in tempo reale con la competente Centrale Operativa. La tempestiva segnalazione ha consentito di disporre un immediato piano di cinturazione dell’intera zona di fuga con pattuglie delle Stazioni di Vallecorsa, Ceccano, Supino, Pofi, Frosinone Scalo e personale del N.O.R.M. della Compagnia di Frosinone.
Le ricerche dei malviventi sono proseguite fino alla loro individuazione: dopo un lungo inseguimento nelle campagne del comune di Ceccano, i carabinieri sono riusciti a bloccare l’auto dei malviventi. Nel tentativo della fuga a piedi, uno dei tre, un 35enne di Empoli, già censito per rapine e furti è stato bloccato e tratto in arresto.
All’interno dell’autovettura utilizzata dai malviventi è stato recuperato l’intero bottino consistente in anelli, catenine, parure, orecchini oro bianco e giallo, brillanti, zaffiri, rubini ed altre pietre preziose per un valore  di circa €500.000,00 non coperto da assicurazione. Oltre alla refurtiva venivano recuperati, altresì, una tuta mimetica, cappellini, passamontagna, parrucche, guanti e fascette in plastica utilizzati per immobilizzare le vittime. L’arrestato veniva associato presso la Casa Circondariale di Frosinone. Sono tuttora in corso le ricerche finalizzate al rintraccio dei complici.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito