il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Anagni, «Obiettivo comune» attacca l’amministrazione Noto: «Disinteresse per le periferie»

Anagni, «Obiettivo comune» attacca l’amministrazione Noto: «Disinteresse per le periferie»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANAGNI - Dall’Associazione Obiettivo Comune per il Cittadino di Anagni riceviamo e pubblichiamo: «Dopo aver subito varie accuse di demagogia da parte del sindaco Noto e dell’assessore Cardinali, dovute alle segnalazioni e alle critiche costruttive che l’associazione “Obiettivo Comune per il Cittadino” ha mosso nei confronti di questa amministrazione, ci troviamo ancora una volta a dover constatare la totale assenza di interventi e d’impegno verso le periferie di Anagni ed in particolare nei confronti della zona di San Filippo. Tutti i problemi segnalati da due anni a questa parte ed in particolare quelli relativi alla zona Santa Felicita Quartaro non solo non hanno trovato soluzione ma sono addirittura peggiorati a causa dell’incuria e del totale disimpegno dell’attuale amministrazione. Le famiglie sono allo stremo delle forze poiché la situazione della zona è difficile e la strada della suddetta area è in condizioni disagiate ed è ormai simile ad una mulattiera e la frana in via Colle Saricone, presente dal 2005, non ha subito alcun tipo di intervento nonostante i molteplici esposti inoltrati al comando locale di polizia municipale (di cui l’ultimo presentato la settimana scorsa). Inoltre lo stato di totale abbandono delle strade e l’assenza (o la presenza parziale) di segnaletica compromette seriamente la viabilità. Infine le promesse fatte in periodo elettorale e in risposta alle critiche mosse dalla nostra associazione dall’assessore Cardinali si sono rivelate vane e niente più di un mero espediente politico, volto a raccogliere consensi e voti in rispetto della tipica tradizione politica italiana. Fra le tante ricordiamo quella relativa alla costruzione del parco naturale attraverso lo stanziamento di fondi regionali: mentre in tutte le altre zone sono stati già appaltati e in alcune hanno avuto inizio i lavori, nella zona di San Filippo la realizzazione è prevista per l’anno prossimo nonostante l’assessore la definiva imminente già qualche tempo fa.
Ci sentiamo, inoltre, di fare un plauso al sindaco Noto, il quale rifiuta di ricevere la nostra associazione da più di 8 mesi, giustificandosi con gli impellenti e improcrastinabili impegni istituzionali da lui espletati, e che ha,inspiegabilmente, deciso di non rilasciarci il permesso per l’occupazione di 2mq di suolo pubblico, da noi richiesto per effettuare la raccolta delle firme volte ad istituire il referendum abrogativo dell’articolo 2 (abrogazione dei privilegi per i  parlamentari).
Allo stesso tempo, per la questione relativa alle cartelle ICI, nessuno sa dare delucidazioni e chiarimenti e i cittadini ancora aspettano di poter pagare senza incorrere in ulteriori multe o sanzioni.
La realtà è che da parte di questa amministrazione c’è una totale assenza sul territorio, ragion per cui la nostra associazione chiede le dimissioni del sindaco a seguito di una situazione di protratto immobilismo, in particolare relativamente alle questioni dell’ospedale e TMB. La mancanza di spirito d’iniziativa, di efficacia ed efficienza e il disinteresse per Anagni e per le sue periferie ha portato ad un aggravamento dei problemi già presenti sul territorio e ad un sperpero di risorse pubbliche che difficilmente potrà essere compensato».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito