il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Videocon Anagni: udienza in Tribunale per gli operai. Fuori sit-in di solidarietà

Videocon Anagni: udienza in Tribunale per gli operai. Fuori sit-in di solidarietà

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANAGNI - Mattinata di passione questa mattina davanti al Tribunale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa, mentre nell'aula si svolgeva l'udienza d'appello per settanta operai Videocon condannati per l'occupazione dell'autostrada A1 nell'ottobre 2009.

Davanti all'edificio infatti, centinaia di operai (nella foto) hanno solidarizzato con i loro colleghi attraverso un presidio promosso dalle organizzazioni sindacali, e che ha visto la presenza anche di alcuni partiti politici.

La manifestazione degli operai Vdc ha preso il via stamattina dallo stabilimento ex Videocolor di località Frattarotonda, e attraverso una sfilata pacifica è giunta in via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il corteo ha voluto testimoniare la vicinanza agli operai alla sbarra ma anche la protesta per una situazione, quella del sito industriale anagnino, che si fa sempre più nera viste le ombre di fallimento che aleggiano sull'azienda.

 

Intanto all'interno il Giudice ascoltava i testimoni, ovvero la Digos che rilevò i reati di cui gli operai Vdc sono accusati e il Cotral, che denunciò l'interruzione di pubblico servizio in quelle giornate di ottobre. Al termine dell'udienza il rinvio al sette di marzo 2013, quando dovranno di nuovo comparire anche gli altri ottanta operai Vdc condannati per la stessa causa.

Intanto strade bloccate e traffico deviato sulle arterie attraversate dal corteo, e nella zona del Tribunale, hanno offerto alla città dei Papi un'altra mattinata di disagi. Alleviati solo dal fatto di aver offerto il palcoscenico della città per una nobile causa, quella di oltre 1300 operai che non vedono più futuro occupazionale e, anzi, sono chiamati a rispondere di reati dinanzi alla giustizia. Quasi un paradosso.

Agli operai giunge in queste ore la solidarietà del mondo politico a partire dalle parole del Consigliere Regionale del PD, Francesco Scalia: “Sono anni che seguiamo da vicino la delicata controversia dell’azienda e soprattutto delle 1300 famiglie coinvolte. Abbiamo continuamente sollecitato l’azienda, il ministero e le banche coinvolte, a trovare una soluzione definitiva che ponga fine a tutti questi anni di precarietà. Personalmente – conclude Scalia - sono sempre stato vicino ai lavoratori nelle loro manifestazioni e continuerò a sostenere questa battaglia in ogni sede”.

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Maggio 2012 19:40

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito