il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Nell'emergenza neve c'è chi approfitta: su speculazioni a Frosinone controlli della Guardia di Finanza

Nell'emergenza neve c'è chi approfitta: su speculazioni a Frosinone controlli della Guardia di Finanza

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

ANAGNI - C'è l'emergenza neve ma poi dentro l'emergenza c'è anche il pericolo sciacallaggio. Ci giungono segnalazioni di prezzi alle stelle su alcuni generi nei supermercati. Su twitter segnalano che a Tecchiena, nel comune di Alatri, una delle ultime casse d'acqua rimaste sarebbe stata venduta a 5 euro. Ma capita anche che ad Anagni i cittadini delle strade periferiche debbano fare una "colletta" per permettere ai mezzi assoldati dal Comune per far fronte alla pulizia delle strade, di spalare la neve sotto casa e a ridosso dei palazzi dove vivono decine di famiglie.

O a Frosinone dove in un supermarket un litro d'olio, uno di latte e una cassa d'acqua vola oltre le 10 euro. Certo è che se siamo in emergenza non si dovrebbe guardare "a chi fa che cosa" e nemmeno a "dove lo fa", e invece...
Insomma dove gli scaffali non sono vuoti c'è il rischio di prezzi alle stelle per le ultime cose rimaste. Vi invitiamo perciò a fare segnalazioni di questi ed altri fatti per stanare chi, purtroppo, potrebbe approfittare delle condizioni disperate di molti cittadini senza luce e generi di prima necessità, in qualche caso, da molti giorni.
Come è successo ad Anagni, dove si è assistito a scene da film nella giornata di ieri, con famiglie che hanno abbandonato la casa dopo tre giorni di black out elettrico, e con zaini in spalla e bambini al seguito hanno raggiunto, a volte a piedi, le abitazioni di parenti più "fortunati" a cui la corrente non è venuta a mancare. Scene apocalittiche anche stamattina con le auto spargisale in ritardo, per cui nelle prime ore del mattino molte auto sono andate di traverso. Anche un camion in via Cerere navicella è rimasto bloccato condizionando il traffico in uscita da Anagni per qualche ora.

Numerose segnalazioni sono pervenute anche al 117, il numero di pubblica utilità della Sala Operativa della Guardia di Finanza di Frosinone, segnalandoo ingiustificati aumenti dei prezzi di alcuni beni di prima necessità. In una nota, la Guardia di Finanza comunica di aver coordinato un piano di interventi, nei principali centri della Provincia, volti alla tutela dei consumatori, attraverso controlli sulla corretta applicazione della normativa sui prezzi.
Scrive il Comando Provinciale di Frosinone: «In questo periodo di emergenza, vi è il rischio che l’aumento della domanda dei prodotti alimentari e di conforto possa determinare variazioni non giustificate, ovvero una indicazione al pubblico di prezzi diversa da quella effettivamente praticata.
Di qui l’esigenza di effettuare controlli presso gli operatori economici al fine di evitare che i cittadini ciociari, già colpiti da gravi disagi provocati dal maltempo, possano subire anche contraccolpi sotto il profilo economico».

Se avete segnalazioni da sottoporci inviatele a: redazione@ilgiornalino.net o twittatele a @giornacuto.



Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Febbraio 2012 12:44

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito