il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Cronaca ::> Filettino, De Meis: sindaco Sellari si dimetta

Filettino, De Meis: sindaco Sellari si dimetta

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Sample ImageFILETTINO - Il procedimento adottato mercoledì scorso dal Sindaco di Filettino Luca Sellari, ha creato un forte  sconcerto da parte della popolazione di Filettino e di più da parte degli ex Assessori Comunali ignari dell'intento attuato dal Sindaco tanto da venirne a conoscenza attraverso il sito istituzionale  del Comune, sul quale repentinamente il Sindaco ha provveduto a pubblicarlo.
«Un comportamento strano ed ingiustificabile» così da subito ha commentato  il vice sindaco Fabrizio Giacomini ignaro della volontà del sindaco, ma anche i consiglieri di opposizione Paolo De Meis e Luana Testa, tanto che con l'intento di affiggere un manifesto pubblico per le strade di Filettino, l'opposizione chiede a chiare lettere le dimissioni del Sindaco Luca Sellari.
«In otto mesi di amministrazione -ha commentato De Meis- ha dimostrato tutta la sua incapacità amministrativa e politica». All'indomani dell'atto di revoca delle deleghe, il Sindaco da la sua motivazione rivolgendosi ai cittadini increduli: «State tranquilli, le deleghe sono state ritirate per procedere come per legge, dopo l'approvazione della riorganizzazione degli uffici e dei servizi ad assegnare le stesse in termini di regolamento».
Il Sindaco fa riferimento al Regolamento Comunale degli uffici e dei servizi, approvato il 22 dicembre scorso dalla sua stessa Giunta, che ignorava logicamente che questo regolamento prevedeva la revoca delle loro deleghe.
Ma ignari di questo lo sono anche i consiglieri di minoranza che ironicamente affermano: «quel regolamento non richiede che si debba procedere alla revoca di deleghe e che la legge richieda lo stesso, per giunta il Sindaco ha la memoria corta e non ricorda neanche ciò che scrive, visto che in quel provvedimento si esprime così» ...s'impone un ripensamento alla strategia politico-amministrativa che aveva condotto il Sindaco all'attribuzione delle deleghe assessoriali, anche in funzione delle capacità tecniche e non necessariamente politiche, causa di stallo di molte decisioni politiche...» in poche parole non ha fiducia nella sua Giunta e nel suo Vice Sindaco, ritenendoli non all'altezza del ruolo, oppure la legge a quale fa riferimento è quella del Principato.
Esprimiamo allora la massima solidarietà ai 3 Assessori, non c'è giustificazione per quello che il Primo Cittadino ha compiuto e lo invitiamo a trovare una scusa migliore e più credibile, magari pensando che il suo gesto istintivo sia dovuto al fatto che non riesce più a gestire i suoi Assessori come vorrebbe, considerando che il suo Vice Sindaco Fabrizio Giacomini, ha da tempo preso le distanze dalla folle idea del Principato, non credendoci, e rifiutandosi di andare a votare per quel goffo e surreale referendum sul Principato, e quindi per rabbia il Sindaco ha agito così, ricredendosi poi in seguito. Forse sapremo la verità in Consiglio Comunale dove dovrà motivare la sua azione, nel frattempo chiediamo le sue dimissioni". In questi giorni sembra debba giungere a Filettino lo scrittore fiammingo Geert Kimpen, per scrivere un romanzo sul Principato, di sicuro troverà molto materiale in questo momento, magari anche il finale.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito