il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Trevi Nel Lazio, Grazioli: "Collaboriamo concretamente per tutelare questa splendida area"

Trevi Nel Lazio, Grazioli: "Collaboriamo concretamente per tutelare questa splendida area"

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

altTREVI NEL LAZIO - Uno degli scorci più belli dell’area naturale del Parco Regionale dei Monti Simbruini, è di sicuro la cascata di Comunacque, nota anche come cascata di Trevi. nella primavera del 2018 il ponte (nella foto in basso), che porta all'area,il cui accesso ricade nel territorio comunale di Jenne,  ha subito un crollo nella parte centrale che ha interessato parte della struttura del ponte originario e che ha reso impraticabile il percorso turistico verso le cascate di Trevi situate poco a Sud oltre il ponte. “Il crollo –sottolineaò il Sindaco di Trevi Nel Lazio Silvio Grazioli (in foto)- riguarda il ponte che congiunge i territori di Trevi e Jenne, che sovrasta il corso del fiume Simbrivio, e che permette di raggiungere la bella cascata di Trevi, ma il ponte si trova sul territorio del Comune di Jenne e non di Trevi Nel Lazio. Questo ponte venne realizzato nel 1902, a servizio dell’adiacente centrale idroelettrica che forniva corrente elettrica al Comune di Anagni e di Fiuggi. Come amministrazione abbiamo da subito sollecitato il Parco dei Monti Simbruni ed il Comune di Jenne per intervenire sullo stato di pericolosità che si era mostrato. Questo perché è nostro interesse tutelare uno scorcio naturale splendido come quell’area, logicamente l’opera principale sarà a cura del Comune di Jenne, ma disposti da subito a contribuire ai lavori”.  Nei giorni scorsi, si è svolta la conferenza dei servizi per analizzare il progetto per il rifacimento del ponte sul Simbrivio di Comunacque, alla quale hanno partecipato anche i Comuni interessati di Trevi Nel Lazio e Jenne. Dopo un’approfondita disamina, anche in considerazione dei diversi e rilevanti interessi giuridici coinvolti, i rappresentanti delle amministrazioni invitati e presenti hanno espresso il loro parere sottolineando l’intenzione dei due Comuni di provvedere alla sistemazione ed al restauro del ponte. Analizzato il progetto  preliminare-definitivo, presentato dal Comune di Jenne per un costo di circa € 60 mila, si è deciso di ripartire le spese nel seguente modo: l’Ente Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini ha messo ha disposizione una somma per tale intervento quale contributo di € 15.000,00;  il comune di Trevi nel Lazio parteciperà alle spese con la somma di € 17.552,86, ed il restante sarà colmato dal Comune di Jenne. La volontà di tutti i protagonisti del territorio, è unanime affinchè il ponte possa nuovamente ricoprire il suo importante ruolo di collegamento con la cascata.

altXX

 

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

Leggi anche:

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito