il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Ferentino, miasmi nella zona Scalo, il segretario SEL D’Onofri: «Individuare le cause ed eliminarli»

Ferentino, miasmi nella zona Scalo, il segretario SEL D’Onofri: «Individuare le cause ed eliminarli»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

FERENTINO - Il Segretario di Sinistra Ecologia e Libertà di Ferentino, Manuel D’Onofri, ha diffuso un comunicato relativo ai miasmi diffusi su alcune zone del territorio comunale soprattutto nelle ore notturne. Spiega D’Onofri: «Nell'ultimo periodo il livello di attenzione sullo stato di salute della nostra valle è molto alto, come ben dimostra la partecipatissima manifestazione del 7 giugno, in cui oltre 2mila persone hanno ribadito con forza di volere un’ambiente e un territorio più vivibili, senza ulteriori veleni e senza più pericoli per la salute.

Oltre le gravi minacce riguardanti l'installazione di impianti di trattamento rifiuti non solo a Ferentino ma anche nei paesi limitrofi, continua ad essere presente, e con l'arrivo del caldo estivo in maniera sempre più intensa, la presenza di insopportabili miasmi nella zona Scalo, che maggiormente nelle ore notturne, diventano molto forti e persistenti e obbligano i cittadini a rinchiudersi in casa.
È inaccettabile che dopo innumerevoli denunce non si sia trovata la soluzione a questo grave problema, che minaccia la buona qualità della vita e che unito alle altre grandi piaghe inquinanti di questo territorio diventa un peso insopportabile per i cittadini.
Su questo argomento ci siamo già espressi più volte. Il consigliere Maddalena presentò un'interrogazione al Sindaco e all'Arpa, senza però avere risposte a riguardo e l' On. Pilozzi nel mese di dicembre 2013 scrisse anche al Prefetto per chiedere maggiori controlli e trovare una soluzione a tutto questo, ma sembra che la situazione non sia cambiata.
A nostro avviso per poter concretamente risalire all'origine di tali miasmi e di conseguenza eliminarli: sono necessari controlli costanti da parte delle autorità preposte e l'utilizzo di tecniche e strumentazioni tali da garantire un’oggettiva valutazione degli inconvenienti evidenziati (ad es. centraline di monitoraggio permanente e naso elettronico), come più volte da noi sollecitato.
È doveroso inoltre sottolineare che tali misure sono doverose in questa zona così duramente colpita e che l'Amministrazione Comunale, anche se non ha mezzi che direttamente possono agire per la risoluzione del problema, deve mettersi a totale disposizione e attuare tutte le pratiche politiche e amministrative tali da incentivare gli organi preposti a contrastare questa diffusa anomalia che continua a vedere l'ambiente e la salute dei cittadini in pericolo e sacrificati per fini di guadagno e di profitto».

Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Giugno 2014 11:51

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito