il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Laghetto di Acuto, morìa di pesci: il lavaggio di auto la causa?

Laghetto di Acuto, morìa di pesci: il lavaggio di auto la causa?

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ACUTO - Tramite il gruppo Facebook «ilgiornalino.net» il nostro lettore Marco Ludovici ha segnalato un fenomeno di morìa di pesci nel laghetto di Acuto (Volubro Suso). Rilanciamo la sua segnalazione allo scopo di prevenire il ripetersi di simili episodi: «Negli ultimi giorni diverse persone hanno notato una moria di pesci presso il laghetto di Acuto, inizialmente si è pensato ad un'infezione dovuta a micobatteri (vista la presenza di macchie rossastre sulla pelle dei pesci morti e di quelli morenti). In seguito invece si è capita la vera causa: alcune persone, ignare del danno ambientale che stanno provocando, sono solite lavare la propria auto in riva al laghetto, con l'acqua del fontanile. Tale pratica è severamente vietata, a maggior ragione in un luogo incontaminato quale il Volubro di Acuto. I detergenti usati hanno lasciato, per diversi giorni, evidenti aree schiumose sulla superficie del laghetto.
Invito chiunque a segnalare alle autorità chi venisse colto in tale situazione. Sarebbe inoltre necessario apporre un cartello di divieto di lavaggio delle auto nei pressi del fontanile: purtroppo non ci si può basare sul buonsenso delle persone».
Ad aggravare la situazione il fatto che, per la sua natura di dolina, il laghetto ha uno scarsissimo ricambio d’acqua: pertanto qualunque elemento inquinante tende ad accumularsi nel tempo.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito