il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Valle del Sacco, Scalia(PD): "Zingaretti ascolti monito dei vertici provinciali Arpa a proseguire la bonifica"

Valle del Sacco, Scalia(PD): "Zingaretti ascolti monito dei vertici provinciali Arpa a proseguire la bonifica"

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

altFROSINONE - Il Senatore Francesco Scalia ha scritto una lettera al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per chiedere di completare il progetto di bonifica della Valle del Sacco e raccogliere il grido di allarme lanciato nei giorni scorsi dall'ingegnere Enzo Spagnoli, dirigente responsabile della direzione provinciale dell'Arpa, sulla carenza di personale per fronteggiare l'emergenza ambientale in provincia di Frosinone. 

"Nel 2008 - dichiara Scalia -  grazie alla Convenzione tra il Ministero, la Regione Lazio e l'Arpa Lazio,  è iniziata l'attività di monitoraggio e censimento delle aree potenzialmente inquinate e/o per le quali emergeva una situazione di inquinamento tale da rendere necessari accertamenti. Tale attività, condotta secondo le indicazioni del Ministero, dal gruppo di lavoro Valle del Sacco, operante presso l'Arpa Lazio, ha prodotto il censimento di ben 353 siti di cui 26 nei comuni della provincia di Frosinone e 112 nei 23 comuni della provincia di Roma.  La relazione prodotta è stata interamente recepita dal Ministero. Purtroppo, tale importante lavoro è stato interrotto il 31 dicembre scorso con la scadenza della convenzione". alt

Il mancato rinnovo ha determinato la fine della collaborazione, dopo quasi cinque anni, dei cinque geologi del gruppo di lavoro con l'Agenzia Regionale. 

"So bene - continua Scalia - che la Regione Lazio ha impugnato il decreto del Ministero dell'Ambiente che declassa la Valle del Sacco a sito di interesse regionale, ma indipendentemente dall'esito che avrà il ricorso al TAR, sarebbe opportuno continuare con le attività finora svolte e, qualora non fosse stato già fatto, promuovere l'attento lavoro di censimento dei siti potenzialmente inquinati nei comuni dell'area commissariata, rimasti esclusi dal precedente censimento, scongiurando così una gestione eterogenea da parte dei numerosi enti locali, che molto spesso non dispongono delle risorse umane e delle competenze tecniche necessarie per gestire i complessi procedimenti di bonifica previsti nella parte quarta del Titolo V del D.Lgs. 152/2006". 

"Mi auguro - conclude Scalia - che il Presidente raccolga il mio invito e rinnovi la Convenzione con il Ministero, dotando ARPA del personale necessario per la prosecuzione del progetto di censimento e bonifica delle aree contaminate".

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito