il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Jenne, il Commissario Sordi delinea un percorso di rilancio del territorio per il Parco dei Simbruini

Jenne, il Commissario Sordi delinea un percorso di rilancio del territorio per il Parco dei Simbruini

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

JENNE - «Scelte strategiche per la valorizzazione del patrimonio ambientale dei Monti Simbruini, soprattutto con un lavoro di sinergia tra amministratori, ambientalisti, allevatori, operatori turistici ed economici, professionisti e ricercatori universitari per far uscire dal letargo l’area naturale protetta più grande del Lazio».
Su queste linee si fonda il pensiero del nuovo commissario del Parco dei Monti Simbruini Danilo Sordi, da poco nominato alla guida dell'Ente Parco, poggiando la sua esperienza amministrativa in qualità di ex Sindaco del Comune di Gallicano Nel Lazio;  ed ambientale in quanto attuale Presidente dell'Associazione Ambientale Naturalistica "Il Nibbio Bruno". «Un’attività -continua Sordi- che deve essere finalizzata a dare attuazione compiuta ad una realtà naturalistica che per il  territorio e per i 7 Comuni che vi fanno parte (Subiaco, Camerata Nuova, Cervara di Roma, Jenne, Trevi Nel Lazio, Filettino e Vallepietra), deve rappresentare un valore aggiunto a livello ambientale ma anche culturale e che pertanto va valorizzato in pieno. Anche per poter esplicare le sue enormi potenzialità in armonia con l’intero tessuto urbano.
Il parco Naturale dei Simbruini, è una delle bellezze dell’Italia, un patrimonio naturalistico, un tesoro e una risorsa preziosa, sinonimo di bellezza e qualità. Rilanciare il parco, significa anche far conoscere il contributo e le idee che può dare per superare la crisi economica, rilanciare il suo ruolo istituzionale, la sua capacità di garantire la biodiversità, la capacità di essere uno degli elementi del Made in Italy, luogo laboratorio per costruire nuove economie dell’ambiente, un nuovo ruolo sociale, per la fruizione, il turismo, e modelli di sosteniblità del territorio».
Più forza e vigore alle idee e ai progetti per sfruttare le potenzialità a livello paesaggistico e turistico del parco regionale, questo l’obiettivo sul quale lavorerà da subito il nuovo commissario.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito