il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Orso bruno, l’investimento di un esemplare sull’A24 rafforza l’interesse per la protezione nei Simbruini

Orso bruno, l’investimento di un esemplare sull’A24 rafforza l’interesse per la protezione nei Simbruini

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

TREVI NEL LAZIO - La notizia dei giorni scorsi, dell'uccisione di un orso marsicano a causa di un incidente stradale sulla A24 in territorio abruzzese, ha sollevato alcune perplessità sul versante laziale ai confini dell'Abruzzo, in particolare nell'area del Parco dei Monti Simbruini, dove proprio alla fine dello scorso anno, fu di molto rilievo la notizia di un avvistamento di orso marsicano tra i Comuni di Trevi Nel Lazio e Filettino. È da escludere il fatto che possa trattarsi dello stesso plantigrado avvistato nei Simbruini, considerato che l'incidente è avvenuto  sull’Autostrada A24, Km 89 direzione Roma, nei pressi del casello di Tornimparte, ai margini del Parco Regionale del Sirente Velino e presso la Riserva Naturale della Duchessa al confine tra le Regioni Abruzzo e Lazio. In un territorio protetto da parchi e riserve, dove in teoria dovrebbe esserci la migliore tutela possibile, c’è però una grande infrastruttura autostradale che costituisce una barriera praticamente insormontabile per questi animali.
L’orso, dell’età di circa tre anni e del peso di 90 kg circa, è stato recuperato dagli agenti del CFS della Stazione Ovindoli- Rocca di Mezzo e trasferito presso la Asl dell’Aquila prima e l’Istituto Zooprofilattico di Teramo poi per gli esami e le analisi necessarie. L'orso marsicano la specie in questione è a fortissimo rischio di estinzione, con un numero di esemplari estremamente ridotto, concentrati soprattutto nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. La sua presenza  all'interno del Parco dei Monti Simbruini, sottolinea il valore aggiunto che la presenza di un animale raro come questo, può fornire a un territorio protetto come quello dei Simbruini, pertanto c'è l'intenzione da parte dell'Ente Parco di attivarsi nel modo possibile, per scongiurare che tali incidenti possano anche registrarsi sul proprio territorio protetto, attuando nel modo migliore la convivenza dell'orso con le realtà presenti tra cui l'uomo.
Comunque c'è interesse di stringere una sinergia tra i vari Parchi del centro Italia, investiti dalla presenza di esemplari di orso marsicano, per incontrare a breve il nuovo Ministro dell’Ambiente, affinché la conservazione di questo grande patrimonio dell'Italia, appunto l'orso, diventi questione nazionale, e non solo.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito