il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Comitato Valle dell’Aniene contro Aniene Green Net: «Non passate per il camino le Faggete dei Simbruini»

Comitato Valle dell’Aniene contro Aniene Green Net: «Non passate per il camino le Faggete dei Simbruini»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

TREVI NEL LAZIO - La Giunta Comunale di Trevi nel Lazio, con delibera n. 139 del 05/11/2012, ha approvato lo studio di prefattibilità del progetto “Aniene Green Net” tra i Comuni di Trevi nel Lazio, Jenne, Subiaco, Vallepietra, Arcinazzo Romano e  Piglio. La delibera, approvata da unʼesigua maggioranza, è preliminare a una serie di misure, alcune  condivisibili per la parte riguardante il risparmio energetico, che se messe in campo sino alla fine, porterebbero allʼutilizzo forestale intensivo di buona parte delle risorse dei boschi e demani civici dei comuni sottoscrittori.
Il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, nel quale ricadono quasi tutti i comuni interessati al progetto, sta già subendo, da parte di ACEA, pesanti attacchi alla risorsa idrica delle sorgenti del Pertuso, inoltre si registra la presenza di insediamenti turistici in quota che rilasciano liquami nel sistema  acquifero e si pensa addirittura di costruirne altri,  come  se non  bastasse,  ora  si  vuole  mettere  in  discussione  anche  la  capacità depurativa e di raccolta delle acque piovane delle foreste,  fondamentali sia nel ciclo dellʼacqua per mantenere la risorsa rinnovabile sia per gli habitat naturali, a garanzia della biodiversità del Parco e delle aree contigue.

In unʼarea di pregio ambientale come i Monti Simbruini, l'unico utilizzo economico possibile è il turismo sostenibile, un utilizzo che porta una ricchezza diffusa ai diversi Comuni. Ma come si potrà mettere in pratica un turismo virtuoso e di qualità se si darà il via a questo progetto? Come si potrà convincere a soggiornare  nella nostra valle persone che si aspettano un ambiente pulito e di grande bellezza, e si troverebbero  invece nel traffico di centinaia di camion, con cantieri forestali utilizzati per alimentare le centrali previste?

Tutto questo è predisposto dalle Autorità comunali senza la minima partecipazione pubblica. Infatti, nell'accordo di programma si cedono i diritti di esbosco al Consorzio che dovrà gestire questa filiera; ma la sostenibilità dell'iniziativa non è stata sottoposta a verifica da parte dei cittadini, dellʼEnte Parco e delle Associazioni. Né, tantomeno, si è sottoposta a VAS (Valutazione Ambientale Strategica) lʼintera operazione, con la conseguenza che le Amministrazioni comunali si troveranno a cedere titolarità senza  sapere se gli obiettivi proposti saranno raggiunti e a quale prezzo per l'intera comunità.

Per questo chiediamo allʼAmministrazione di Trevi nel Lazio e alle altre Amministrazioni interessate, di  bloccare tutto in attesa di una puntuale azione di verifica di quanto si vorrebbe sottoscrivere e dellʼimpatto che il territorio dovrà subire, sottoponendo lʼintera iniziativa a VIA/VAS.
La valutazione preventiva è indispensabile anche nella logica di evitare lo spreco di denaro pubblico alla ricerca dʼimprobabili mirabolanti risparmi energetici, che saranno pagati a caro prezzo dai cittadini con le  elevatissime sovvenzioni previste per questo genere di impianti. Sovvenzioni che potrebbero risultare, alla fine, gli unici veri motivi che sostengono un progetto avventuroso e dʼincerta attuazione.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito