il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Orso Marsicano nei Monti Simbruini, l’ente parco risponde all’assessore di Trevi Cecconi

Orso Marsicano nei Monti Simbruini, l’ente parco risponde all’assessore di Trevi Cecconi

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

TREVI NEL LAZIO - Nei giorni sorsi con una nota, l'Assessore all'Ambiente del Comune di Trevi Nel Lazio Vincenzo Cecconi, ha chiesto chiarimenti al Direttore Alberto Foppoli dell'Ente Parco dei Monti Simbruini (di cui Trevi  fa parte) in merito alla presenza sul territorio di un Orso marsicano, sottolineando l'estraneità di tale fatto appreso solo dalla stampa.  
«Facendo seguito alle recenti notizie diffuse da alcuni organi di stampa -si legge nella nota dell'Ente Parco- riguardanti l’Orso bruno marsicano nel territorio del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, si conferma che la presenza del plantigrado, dopo il primo avvistamento del 26 settembre, è stata confermata da altri avvistamenti e segni di presenza, che ne hanno appurato la frequentazione  nei comprensori di Filettino e Trevi nel Lazio. Il Commissario Straordinario Maurizio Lucidi tiene a ricordare che il Parco dei Monti Simbruini è da anni impegnato in attività di monitoraggio sulla presenza dell’orso bruno marsicano. Tali monitoraggi, condotti nell’ambito di specifici protocolli e progetti (“PATOM: Piano d’Azione Tutela Orso Marsicano” e “Life Arctos”) hanno evidenziato la frequentazione delle specie su tutto il territorio dell’Area protetta.
Dal punto di vista naturalistico si ricorda che nessun tipo di reintroduzione di orso bruno marsicano è mai stata condotta né nel Parco dei Monti Simbruini né in nessuna area dell’Appennino Centrale e che la specie in questione è a fortissimo rischio di estinzione, con un numero di esemplari estremamente ridotto, concentrati soprattutto nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Il Direttore Alberto Foppoli conferma, che tutt’ora nel Parco, continuano i monitoraggi e le azioni previste nei Progetti citati, al fine di verificare la presenza nel territorio di nuovi orsi, nonché favorirne la presenza stessa, tramite concessione di recinzioni elettrificate agli allevatori, interventi selvicolturali adeguati, lotta al bracconaggio e corretta pianificazione venatoria al di fuori dell’Area Protetta.
Così come il Corpo Forestale dello Stato,  in un recente comunicato -conclude la nota-anche l’Ente Parco rassicura la popolazione sulla presenza dell’orso, in quanto si tratta di un animale generalmente elusivo; inoltre si evidenzia il valore aggiunto che la presenza di un animale raro può fornire a un territorio protetto come quello dei Simbruini».

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito