il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Paliano, volontari UGI a lavoro alla Selva per riprisitino aree bruciate. Bonessio (Verdi) incalza la Regione Lazio

Paliano, volontari UGI a lavoro alla Selva per riprisitino aree bruciate. Bonessio (Verdi) incalza la Regione Lazio

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

PALIANO - Domenica di volontariato quella di ieri per l'Unione dei Giovani Indipendenti. Il sodalizio di Colleferro infatti ha organizzato, ieri, una giornata di pulizia e riprisitino dei luoghi che alcune settimane fa sono andati distrutti dal vasto incendio che ha bruciato molti ettari del Monumento naturale della Selva.

Molti i cttadini che vi hanno preso parte. A renderlo noto il presidente dei Verdi del Lazio Nando Bonessio che in una nota ha scritto:  "Come ecologisti Reti Civiche Verdi del Lazio abbiamo aderito all'iniziativa e sostenuto la partecipazione.

C'è da fare un doveroso ringraziamento ai Vigili del Fuoco, alla Protezione Civile e agli stessi volontari che a luglio hanno fatto in modo che l'incendio non si sviluppasse ulteriormente provocando un vero e proprio disastro irrecuperabile."

Oggi si è provveduto a ripristinare la viabilità dei sentieri interni che era impedita dalla grande quantità di  vegetazione bruciata riversata su sentieri e aree percorribili. La Regione dopo aver costituito il Monumento naturale nel dicembre 2011 deve andare oltre, ovvero trovare le risorse per la messa in sicurezza.

L'Amministrazione Regionale vincoli gli attuali canoni di concessione esistenti per le poche attività ancora in esercizio, a un capitolo di spesa destinato alla manutenzione e alla messa in sicurezza della Selva, luogo di biodiversità, dove è inconcepibile che 10 ettari vadano in fumo come successo questa estate. Bisogna rilanciare la vocazione agricola dell'area, quindi la Regione deve procedere con regole trasparenti e partecipate alla concessione delle aree con glie edifici a destinazione agricola, ricettiva e di ristorazione realizzando il volano di una nuova un'economia locale, il tutto attraverso bandi che devono essere pluriennali e la cui contropartita per i concessionari potrebbero essere opere di messa in sicurezza e manutenzione dell'intera area della Selva".

Le priorità, quindi - conclude Bonessio - sulle quali procedere speditamente, sono quelle di attuare il masterplan, ovvero il Piano di recupero e rilancio dell'area protetta, attuare il regolamento del monumento naturale, e dare il via alle concessioni per le aree agricole. Al prossimo bilancio regionale chiederemo che siano stanziate risorse economiche da investire per il futuro economico-ambientale della Selva di Paliano".

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito