il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Colleferro, Retuvasa: "Il castello diventerà un albergo". Parte la mobilitazione di protesta

Colleferro, Retuvasa: "Il castello diventerà un albergo". Parte la mobilitazione di protesta

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

COLLEFERRO - Sabato scorso, con un banchetto informativo nella centralissima via Turati, la Rete per la Tutela della Valle del Sacco ha informato i cittadini sullo "scempio che sta per abbattersi sul castello cittadino,  le cui arcate, oggi nascoste dall’edera, sono il simbolo della città".

Il consiglio comunale, spiegano da Retuvasa, ha approvato un progetto che vedrebbe il castello e la sua collinetta completamente sfigurati. L’antico maniero del 1200 sarebbe trasformato in albergo, e il parco intorno diventerebbe un quartiere urbano bello e buono, con palazzine,  garage, strade: tutto privato, naturalmente. Alla cittadinanza resterebbe neanche la metà della collina limitrofa per passeggiare.

Oltre allo scempio paesaggistico, inoltre, ci sono anche delle "forzature" tecnico-giuridiche, come il dimezzamento del vincolo cimiteriale che da 200 m (distanza fissata per legge tra il cimitero e le abitazioni) passa a 100 m e la variazione di destinazione d'uso del terreno.

La nostra iniziativa, che ha voluto porre la questione all’attenzione della città, è stata accolta con grande favore e possiamo dirci davvero soddisfatti della sua riuscita: tutte le persone che sono passate e si sono intrattenute a parlare con noi hanno avuto voglia e tempo di informarsi meglio, condividendo la nostra indignazione, hanno detto i volontari dell'associazione Retuvasa.

Oggi in giro per portici ed uffici ci è capitato di sentire persone che non conosciamo, parlare del nuovo fatto: è evidente che l’iniziativa di informazione ha giustamente toccato un nervo profondo nei colleferrini, la minaccia del Collis de Ferro che dà il nome alla nostra stessa città.

Non conosce età né colore politico la nostra protesta che porta alla luce alternativi progetti di recupero dell'area del castello buttati in un cassetto, e rivendica il diritto non solo alla salvaguardia del suolo ma anche all'identità cittadina. Desideriamo ringraziare, quindi, tutti coloro che hanno dimostrato interesse all’iniziativa invitando  a continuare a seguire e partecipare alle prossime iniziative per salvaguardare il castello.

 

 

 

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito