il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Paliano, la Giunta regionale vara il Masterplan per la tutela della Selva

Paliano, la Giunta regionale vara il Masterplan per la tutela della Selva

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

PALIANO - Via libera della Giunta Polverini al Masterplan per la tutela, promozione e valorizzazione del “Monumento Naturale Selva di Paliano e Mola Piscoli”.

“L’approvazione del Masterplan rappresenta un ulteriore e significativo passo avanti nel processo di valorizzazione della Selva di Paliano messo in campo da questa amministrazione – dichiara la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini – il documento deliberato ruota intorno alla conservazione, valorizzazione e sviluppo sostenibile di quest’area che abbiamo voluto salvaguardare dichiarandola Monumento naturale. Inoltre, proprio per assicurare una migliore e più trasparente gestione di questo immenso patrimonio naturale, la Giunta regionale ha anche scelto di acquistarne ampie porzioni, impedendo in questo modo eventuali speculazioni. L’obiettivo è rendere maggiormente fruibile l’oasi, mantenendo salda la tutela dell’ambiente”.

Il documento, redatto da Bic Lazio in collaborazione con l’Agenzia regionale per i parchi (Arp), privilegia un approccio multidisciplinare che integra sia le istanze di tutela del territorio pervenute attraverso un percorso partecipato che ha coinvolto semplici cittadini, operatori, associazioni e istituzioni locali, che l’auto sostenibilità economica, puntando a favorire un modello di sviluppo equilibrato, basato sulle risorse endogene.

Tra gli obiettivi del Masterplan la definizione delle linee guida per la redazione del Regolamento del Monumento Naturale, la valorizzazione delle risorse esistenti e la creazione di positive ricadute anche sul territorio dei comuni limitrofi. Tra le proposte di valorizzazione contenute nel documento vengono individuate alcune tipologie di attività compatibili: dalla possibile istituzione di un Polo Museale della Selva per consentire la fruizione delle risorse culturali, storiche, naturalistiche ed antropologiche del territorio, ad una serie di attività ricreative, sportive e di animazione culturale, come manifestazioni a carattere musicale, teatrale ma anche l’avvio di percorsi guidati nella natura a piedi, in bicicletta o a cavallo.

E ancora, attività agricole legate alla produzione vitivinicola di qualità e al florovivaismo e attività turistiche e ristorative.

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito