il giornalino di Acuto - Frosinone

Home ::> Ambiente ::> Regione, educazione ambientale e sviluppo sostenibile, sì unanime in Commissione. Plaude Abbruzzese

Regione, educazione ambientale e sviluppo sostenibile, sì unanime in Commissione. Plaude Abbruzzese

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - Parere favorevole, all'unanimità, da parte della commissione Ambiente del Consiglio regionale del Lazio - presieduta da Roberto Carlino (Udc) - alla proposta di legge regionale "Norme in materia di educazione all'ambiente, alle politiche energetiche, alla mobilità e allo sviluppo sostenibile". Il testo è frutto dell'unificazione di due proposte di legge a firma rispettivamente di Claudio Bucci (Idv) e Francesco Pasquali (Fli).

Nel corso della seduta odierna l'assessore Marco Mattei ha espresso apprezzamento verso l'iniziativa, ferme restando  la "necessità di armonizzarla con quanto esiste già nel Lazio e di verificarne la compatibilità di bilancio". Aspetto quest'ultimo particolarmente sottolineato dal presidente Carlino. Introdotte diverse modifiche sempre all'unanimità alla proposta originaria. Filiberto Zaratti (Sel) ha motivato i propri emendamenti in base alla necessità che la normativa si armonizzi con le attività in corso e le strutture già operative in questo campo. Altri interventi emendativi sul testo sono stati approvati su iniziativa di Antonio Paris (Gruppo Misto), Andrea Bernaudo (Pdl) e Daniela Valentini (Pd).

"Ad oggi la Regione Lazio non dispone di alcun programma preciso in merito. Da qui l'esigenza di una legge apposita - aveva detto Bucci nella relazione introduttiva, ricordando i principi introdotti in materia da Onu, Unesco, Unece e Infea - che istituisca un programma regionale detto Infeass (sistema regionale di informazione, formazione ed educazione ambientale e di sviluppo sostenibile) rivolto ad enti locali, istituti scolastici, enti parco naturali di ogni ordine, monumenti naturalistici, associazioni di cittadini senza scopo di lucro, ed in generale alla cittadinanza attiva della Regione Lazio, che preveda un percorso preciso per lo sviluppo di politiche ed azioni volte all'educazione ambientale".

 

Pasquali aveva aggiunto, sempre nella precedente seduta, che "l'intento è quello di dare uno stimolo culturale in materia di ambiente e sviluppo sostenibile. Il consigliere di Fli ha ricordato come questo genere di norme esistano in altre regioni con interessanti risultati, come nel caso dell'Emilia Romagna. "Grazie ad una corretta educazione ed informazione, soprattutto verso le nuove generazioni - aveva osservato il presidente Carlino - avremo sicuramente significativi miglioramenti nella salvaguardia dell'ambiente in futuro".

All'approvazione unanime palude il presidente del Consiglio regionale Mario Abbruzzese che in una nota scrive: “Il passaggio all’unanimità in Commissione  completa le attività e le strutture in essere nella Regione Lazio in materia di educazione all’ambiente, politiche energetiche, mobilità e sviluppo sostenibile. Oggi, con l’approvazione di questo significativo  provvedimento abbiamo assistito ad una bella pagina di politica: i partiti hanno saputo infatti andare al di là degli steccati ideologici e unirsi in una proposta di legge che guarda all’interesse di tutti i cittadini ed in particolare dei giovani del Lazio”.

“Questa norma - ha continuato Abbruzzese -, che passerà presto all’esame dell’Aula, servirà anche a sanare un vuoto normativo verso l’educazione ambientale, creando così preziose opportunità per arricchire il sistema regionale nell’ambito della informazione e formazione".

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Marzo 2012 17:46

Per poter inserire i commenti è necessario loggarsi.
Se non sei un utente registrato, puoi registrarti ora.

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito