il giornalino di Acuto - Frosinone

Lunedì, 09 Gennaio 2012 09:34

Filettino, l’opposizione incalza: «Amministrazione alla deriva» In evidenza

Scritto da  Danilo Ambrosetti
Vota questo articolo
(0 Voti)

FILETTINO - Affondo dei consiglieri di opposizione Paolo De Meis e Luana Testa, che in una nota puntano il dito contro i colleghi di maggioranza, a loro giudizio troppo acquiescenti verso le decisioni del sindaco Luca Sellari. Dallo scorso 28 dicembre l’amministrazione Comunale di Filettino vive infatti una situazione particolare a seguito del ritiro di tutte le deleghe agli assessori, assunte in toto dal primo cittadino. De Meis e Testa da giorni continuano a sottolineare a chiare lettere lo stato di disagio ed abbandono in cui vive Filettino e la sua comunità.

I consiglieri di opposizione puntano il dito, nell'ultimo intervento pubblico, verso la passività dei consiglieri di maggioranza, che non prendemmo una posizione per il loro paese fermando il Sindaco. «Giunta azzerata, -si legge nella nota dei consiglieri di minoranza- un paese senza governo con tutte le deleghe in mano al Sindaco e con il vicesindaco, gli ex assessori e i consiglieri comunali che invece di reagire ad un atto autoritario ed ingiustificato, reclamando il rispetto per la loro figura politica, istituzionale e personale, fanno finta di niente e anzi si sforzano, non riuscendoci, a giustificare il ritiro delle deleghe come un atto dovuto conseguente all’approvazione di un fantomatico ed imprecisato regolamento. Mala tempora currunt.
Povero Filettino, povero paese in mano a una compagnia di persone senza etica politica, completamente assenti ed incapaci sul piano politico e amministrativo, lontani dalle problematiche del paese ed interessati solo alla ridicola favola del principato. Viene da chiedersi se le persone che fanno parte della maggioranza, che sono di Filettino, ci vivono e ne vivono le problematiche occupazionali, che avvertono giornalmente il peso della cattiva gestione dei servizi, il fallimento della stagione sciistica, che vedono Filettino deserto e abbandonato dai villeggianti, con gli operatori  e i commercianti resi disperati dal tonfo delle presenze  turistiche, si rendono conto del male che stanno facendo al paese ed alla popolazione.
Il vicesindaco, gli ex assessori e i consiglieri sembrano brave persone, intelligenti, posati eppure accettano le prepotenze e le offese politiche di chi li dirige senza rimostranze. È strano. Viene da chiedersi: ci sono forse interessi economici dietro a questi silenzi? Interessi personali? Certamente non ci sono gli interessi legittimi della collettività, vista la condizione di sfascio e di degrado in cui versa il paese.
Sarebbe necessario un sano scatto di orgoglio politico, -conclude la nota- mandando a casa chi fino a qualche mese fa veniva dipinto come l’uomo mandato dal cielo per risolvere i problemi di Filettino e che invece si è dimostrato inadatto ed incapace da un punto di vista politico ed amministrativo a gestire le tante problematiche del paese: dimettetevi e riconsegnate il paese ai cittadini».

 

Letto 3804 volte Ultima modifica il Lunedì, 09 Gennaio 2012 09:44

Video

Galleria immagini

Devi effettuare il login per inviare commenti

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito