il giornalino di Acuto - Frosinone

Impianto rifiuti Ferentino, anche i consiglieri di «Cambia Supino» alla manifestazione di sabato

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

SUPINO - In una nota firmata dai Consiglieri Gianfranco Barletta e Giovanni Pomponi il gruppo consiliare «Cambia Supino» comunica la propria adesione alla manifestazione in programma per sabato 7 giugno: «Ribadiremo un no convinto alla realizzazione dell’impianto di compostaggio nel territorio del Comune di Ferentino. Siamo convinti che la mobilitazione di centinaia di cittadini sia significativa ed importante per contrastare con tutte le forze la costruzione di questo impianto ma anche di altri di cui si parla con insistenza da diverse settimane. Siamo consapevoli che senza una forte mobilitazione popolare che cerchi con forza e coraggio di smuovere le coscienze di tutti i cittadini ma anche delle forze politiche e sociali, non si riuscirà a vincere questa battaglia per la salvaguardia del nostro territorio.
Occorre mettere in atto politiche che salvaguardino la salute dei cittadini, che tutelino i diritti della popolazione e che consentano ai giovani ed ai nostri figli di non dover abbandonare questo territorio martoriato da anni di disattenzione verso le politiche ambientali. Abbiamo avuto modo di dire in altre sedi e ribadiamo ancora una volta che studi approfonditi stanno dimostrando che insediamenti industriali di questa natura producono gas serra e vari tipi di agenti inquinanti quali idrocarburi, polveri sottili e persino diossina. Le conseguenze a breve termine incidono a livello di malattie dell’apparato cardiocircolatorio, a lungo termine può produrre anche malattie tumorali.
La Valle del Sacco non può più sopportare insediamenti industriali di questa natura che sono pericolosi per la salute pubblica e ancor di più nella nostra zona gravemente compromessa a livello ambientale. Ribadiamo anche noi la necessità di procedere al monitoraggio ed alla bonifica della Valle del Sacco. Il monitoraggio è importante per conoscere lo stato di fatto e la consistenza dei pericoli che incombono sui cittadini. La bonifica è importante per ridare una speranza di vita e di lavoro sano alla Valle, ma soprattutto ridare ai cittadini la dignità di poter vivere senza la paura».

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito