il giornalino di Acuto - Frosinone

La XVIII Comunità Montana punta il dito: «Da Regione Lazio tutto fermo su prevenzione incendi»

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - «La Regione Lazio, latita». Lo affermano gli assessori della XVIII  Comunità Montana Giordano Scursatone e Cesare Ferretti:  «Eppure non si può pensare che l’attività dell’antincendio sia un optional. A meno che non si voglia ricorrere al nefasto bancomat  dell’emergenza, a fronte di disastri ambientali dove non si fa nulla per prevenirli. Siamo in una situazione davvero sconcertante perché, contrariamente a quanto avveniva negli anni scorsi, fin dai mesi di marzo, la Regione assicurava alle 22 comunità montane  un minimo di disponibilità finanziarie per mettere a punto una efficace azione per prevenire gli incendi. Quest’anno, invece ancora tutto tace e oramai le temperature si stanno facendo sempre più alte ed il rischio incendi aumenta sempre più. Inoltre, vi è un aggravante: le nevicate straordinarie dello scorso inverno rendono necessari urgenti interventi per la pulitura dei boschi e degli stessi sentieri che portano in alta collina ed in montagna. Siamo, in un grave e colpevole ritardo. La Regione, dunque, batta un colpo adesso, perché domani potrebbe essere tardi con le prevedibili conseguenze disastrose che gli incendi boschivi potrebbero generare. Frutto certo non di un destino cinico e baro ma di un’opaca imprevidenza».

Articoli più letti questo mese

Articoli più letti questa settimana

AVVERTENZA: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi e a fini statistici. Proseguendo la navigazione l’utente presterà il consenso all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso,all'installazione di tutti o di alcuni cookies, si veda l'informativa sui coockies (cliccare qui).

Accetto i cookie da questo sito